Verbale di violazione dei limiti di velocità rilevata con Autovelox – Deve contenere l’indicazione del certificato di regolare taratura del dispositivo di rilevazione elettronico?


Mi è stato notificato un verbale di violazione dei limiti di velocità rilevata icon autovelox: intendo oppormi e proporre ricorso giudiziale in quanto a mio parere il verbale deve necessariamente contenere l’indicazione del certificato di regolare taratura dell’apparecchiatura di rilevazione della velocità. Come confermato da precedente sentenza della Corte di cassazione (5227/2018), essendo tale indicazione posta a tutela dei diritti di difesa del sanzionato, dal momento che solo in tal modo è possibile verificare la corretta funzionalità delle apparecchiature. Voi, cosa ne pensate?

La Corte costituzionale, con sentenza 113/2015, ha dichiarato illegittimo l’articolo 45, comma 6, del decreto legislativo 285/1992 nella parte in cui non prevedeva che tutte le apparecchiature impiegate nell’accertamento della violazione dei limiti di velocità dovessero esser sottoposte a verifiche periodiche, e ciò sia con riferimento a sistemi a funzionamento automatico e con tecniche di autodiagnosi, che con riguardo agli apparecchi utilizzati con la presenza di operatori.

La mancanza di tali verifiche, infatti, è suscettibile di pregiudicare l’affidabilità dei dispositivi elettronici di rilevamento della velocità a prescindere dalle modalità di impiego, poiché qualsiasi strumento di misura, specie se elettronico, e gli stessi sistemi di autodiagnosi sono soggetti a variazioni delle loro caratteristiche e quindi a variazioni dei valori misurati, dovute ad invecchiamento delle componenti e ad eventi accidentali capaci di comprometterne l’affidabilità.

Diverso il discorso posto dal nostro lettore, secondo il quale per la validità della sanzione amministrativa derivata dalla violazione dei limiti di velocità rilevata con autovelox, bisognerebbe necessariamente includere nel verbale l’indicazione degli estremi del certificato di taratura periodica.

Secondo i giudici della Corte di cassazione (ordinanza 17574/2021) l’indicazione degli estremi del certificato di taratura periodica non è funzionale alla prova dell’effettuazione della taratura stessa: la certificazione, infatti, deve essere fornita, a richiesta dell’interessato, dalla Pubblica Amministrazione che ha disposto l’installazione dell’autovelox.

27 Giugno 2021 · Giuseppe Pennuto



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Verbale di violazione dei limiti di velocità rilevata con Autovelox – Deve contenere l’indicazione del certificato di regolare taratura del dispositivo di rilevazione elettronico?