Valore IMU prima casa ai fini ISEE


Il mio quesito riguarda l’inserimento del valore IMU sulla dichiarazione ISEE, avrei bisogno di capire se il coefficiente per il calcolo della casa di residenza e lo stesso delle seconde case, perchè online ho trovato dei calcolatori che indicano come coefficiente il 115,5 non rivalutato, mentre per tutti gli altri fabbricati appartenenti ai gruppi catastali A,C (escluse A/10 e C/1) il 126 non rivalutato.

Il patrimonio immobiliare ai fini ISEE e’ pari al valore dei fabbricati, delle aree fabbricabili e dei terreni, intestati a persone fisiche non esercenti attività d’impresa, quale definito ai fini IMU al 31 dicembre del secondo anno precedente a quello di presentazione della DSU, indipendentemente dal periodo di possesso nell’anno. Il valore e’ così determinato anche in caso di esenzione dal pagamento dell’imposta.

Dal valore così determinato di ciascun fabbricato, area o terreno, si detrae, fino a concorrenza, l’ammontare dell’eventuale debito residuo alla data del 31 dicembre dell’anno precedente la presentazione della DSU per mutui contratti per l’acquisto dell’immobile o per la costruzione del fabbricato.

Per i nuclei familiari residenti in abitazione di proprietà, il valore della casa di abitazione, come sopra determinato, al netto del mutuo residuo, non rileva ai fini del calcolo del patrimonio immobiliare se inferiore alla soglia di 52.500 euro, incrementata di 2.500 euro per ogni figlio convivente successivo al secondo. Se superiore alle predette soglie, il valore rileva in misura pari a due terzi della parte eccedente (articolo 5, comma 2, DPCM 159/2013).

Il valore ai fini IMU di un immobile da indicare nel quadro FC3 – classificato nelle categorie catastali A oppure C/2, C/6 e C/7 e con esclusione della categoria catastale A/10 – è dato da dal valore della rendita catastale maggiorata del 5%, moltiplicata per 160. Ad esempio: fabbricato A/2, rendita catastale euro 100, valore imponibile = euro 105 x 160 = euro 16.800

Nella fattispecie esemplificativa, il valore così determinato sarebbe irrilevante ai fini del calcolo dell’Indicatore della Situazione Patrimoniale (ISP) dell’ISEE, qualora il nucleo familiare fosse residente nell’immobile di proprietà, dal momento che tale valore risulta essere inferiore alla soglia di 52 mila euro.

21 Dicembre 2020 · Michelozzo Marra



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?