Validità della Donazione – Quando il donatario dona a suo volta il bene ricevuto in dono


Quando il donatario dona a suo volta il bene ricevuto in dono

Siamo due fratelli, orfani di padre dal 2014 e con nostra madre ancora vivente: nel marzo 2001, mia madre mi donava un appartamento di sua proprietà. Ma nel 2013 con mia madre ancora vivente ,e vivente a tutt’oggi, donavo codesto appartamento a mio figlio. Navigando in rete ho letto che molto probabilmente, la donazione che ho fatto a mia figlia non é valida, in quanto il Donante principale (Mia madre) era ed é tutt’ora in vita. Tralasciando il problema di una eventuale e futura contestazione ereditaria da parte di mio fratello, vorrei sapere con certezza di Diritto, se la Donazione fatta da me, a mio figlio, sia valida a tutti gli effetti di legge, e nel caso non lo fosse, quali procedure effettuare per far ritornare il cespite nella mia disponibilità.

Non sussistono particolari problemi circa la validità e l’efficacia della donazione a suo figlio di un bene ricevuto in dono dalla genitrice ancora in vita, se non legati a questioni già esistenti al momento della prima donazione, quali la possibile richiesta di riduzione dell’eredità in tema di successione (dopo il decesso della donante) o l’eventuale azione revocatoria dell’atto di donazione avviata dai creditori di sua madre antecedenti alla donazione (articolo 2901 del Codice Civile).

Per quel che riguarda la prima donazione (la madre al figlio) potrebbero sussistere questioni di inadempimento del primo donatario in caso di donazione modale (articolo 793 del codice civile, che, naturalmente, renderebbero nulla la seconda donazione (quella dal figlio al nipote del primo donante).

La donazione, infatti, potrebbe essere gravata da un onere a carico del donatario il quale sarebbe tenuto all’adempimento dell’onere entro i limiti del valore della cosa donata. Se questo non è il suo caso, può stare tranquillo.

Qualora il donante ed il donatario intendessero, comunque, rendere inefficace la donazione con rientro del cespite, a suo tempo donato, nel patrimonio del donante, esiste l’istituto della risoluzione della donazione mediante mutuo consenso

Con riguardo al contratto di donazione, con la risoluzione della donazione mediante mutuo consenso (o mutuo dissenso, se si vuole mettere in risalto il venir meno del consenso) fra donante e donatario, si consegue il ritorno del bene nella proprietà del donante: in pratica, il bene a suo tempo donato, rientra nel patrimonio dell’originario proprietario.

30 Agosto 2021 · Annapaola Ferri

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: , , ,


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 183 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose » Validità della Donazione – Quando il donatario dona a suo volta il bene ricevuto in dono. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.