Vacanze estive – Come prenotarle in sicurezza?


Vorrei prenotare una settimana di vacanza per me e la mia famiglia, ma tra truffe, problemi di spostamenti (post pandemia) e agenzie turistiche poco raccomandabili sembra un calvario.

Avete consigli per orientarsi al meglio?

Ultimamente prenotare le vacanze ha un rischio imprevedibilità ancora più alto rispetto al passato tra nuova diffusione dei contagi, instabilità geopolitica e problematiche organizzative delle compagnie (che durante la pandemia avevano licenziato molto personale).

Questo però non deve farci desistere dall’organizzazione delle nostre vacanze, è solo importante adottare alcuni accorgimenti per evitare che l’imprevisto rovini completamente i nostri piani!

Sempre più consumatori scelgono il viaggio “fai da te” per prenotare le vacanze: acquistando in autonomia i biglietti per il trasferimento (nave, aereo o treno) e prenotando nella struttura prescelta senza passare da tour operator o agenzie di viaggio. Ecco allora alcuni utili consigli per questa tipologia di vacanze:

  • rispetto ai trasferimenti (aereo, treno, traghetto) è meglio scegliere tariffe che consentano la cancellazione o la variazione della data di partenza. Queste opzioni hanno dei costi più elevati rispetto alla tariffa standard, ma in tempo di pandemia la flessibilità del viaggio è elemento fondamentale;
  • per alcune destinazioni potrebbe essere richiesto di fare il tampone nei giorni precedenti o di possedere un green pass: i consumatori hanno quindi diritto ad essere informati in modo chiaro e con largo anticipo su queste condizioni ad opera della compagnia aerea (o di navigazione). Ma è comunque bene informarsi presso le Autorità competenti;
  • per quanto riguarda la prenotazione dell’alloggio, è meglio scegliere le cosiddette “tariffe piene” che permettono, pagando un po’ di più, di cancellare la propria vacanza anche nell’imminenza del check-in. In ogni caso prima di prenotare le vacanze, vista la situazione, si può chiedere per iscritto alla struttura cosa prevede in caso di annullamento per Covid.

Tutt’altro discorso vale per chi sceglie di prenotare le proprie vacanze affidandosi ad agenzie di viaggio o tour operator: in questi casi l’interlocutore per il consumatore è l’agenzia o il tour operator e non il fornitore del singolo servizio (quindi trasporto o struttura alberghiera).

Ecco dunque a cosa prestare attenzione se si acquista un pacchetto turistico:

  • è compito dell’operatore turistico informare il consumatore di tutti gli adempimenti necessari per viaggiare: in caso quindi di mancata o non tempestiva comunicazione scatta la responsabilità dell’agenzia di viaggi o del tour operator che sarà tenuto a risarcire gli eventuali danni;
  • stipulare una polizza per la disdetta: attenzione però, dietro questo nome, a volte, si nascondono i più diversi stratagemmi per non rimborsare il consumatore. Leggete quindi bene il contratto e assicuratevi che preveda il rimborso anche in caso di Covid o di malattia di un familiare;
  • infine (ma vale sia per il pacchetto turistico, che se si prenota solo l’albergo) potrebbe capitare che alcune strutture non abbiano in funzione tutti i servizi previsti a causa della pandemia. Ristoranti, piscine o centri benessere potrebbero infatti essere chiusi, in tal caso è bene informarsi prima di partire (attraverso una comunicazione scritta) così da non pagare servizi non messi effettivamente a disposizione.

Torniamo ad occuparci del tema delle case vacanze. Ogni anno ai nostri sportelli riceviamo centinaia di segnalazioni di consumatori truffati per una casa vacanza fantasma. Il rischio è infatti quello di pagare per una casa vacanze inesistente e quindi di subire una vera e propria truffa.

Ecco i nostri consigli al momento di prenotare questo genere di struttura:

  • è bene innanzitutto prenotare la propria casa vacanza su siti specializzati per questo tipo di servizi.
  • vitate quindi piattaforme di compravendita dell’usato dove è possibile acquistare ogni genere di prodotto;
    accertatevi quindi che l’annuncio a cui state rispondendo sia autentico. Verificate che le foto non siano già presenti su internet in altri annunci, in questo caso potrà esservi utile chiedere al proprietario delle nuove foto così da fugare qualsiasi dubbio sulla reale esistenza dell’immobile;
  • fate molte domande alla persona che mette in affitto casa, cercando di capire se ci risponde in modo vago o evasivo;
  • il consiglio più importante è quello di non pagare in anticipo l’intera somma e soprattutto, evitate di inviare denaro ricaricando una carta prepagata. Questo genere di transazioni è infatti difficilmente rintracciabile: meglio quindi bonifici bancari o carte di credito.

Per maggiori informazioni leggi tutti i nostri consigli per prenotare una casa vacanza in sicurezza realizzati in collaborazione con la Polizia Postale.

Veniamo alle dolenti note: cosa succede se non si può partire? In generale possiamo dire che se le vacanze sono annullate a causa di nuove restrizioni comunitarie negli spostamenti o all’eventuale decisione di altri Paesi stranieri di precludere l’ingresso ai turisti, il consumatore ha diritto al rimborso o a un voucher; se invece è il consumatore a decidere di non partire perché ha cambiato idea o non si sente sicuro, pur non essendoci restrizioni potrebbe essere difficile recuperare l’anticipo versato: tutto dipende dal contratto che abbiamo firmato (che prevede correttamente una “caparra”) e non contenga clausole vessatorie.

Conviene in ogni caso comunicare per iscritto l’annullamento e se necessario chiedere l’aiuto dei nostri esperti.

Nel caso del consumatore che non può partire perché è positivo al Coronavirus consigliamo di inviare una raccomandata con ricevuta di ritorno all’albergo spiegando la situazione, allegando il certificato medico che attesta la malattia (o la quarantena) e chiedendo il rimborso che tuttavia è soggetto a quanto previsto nel contratto, salvo il caso che il consumatore sia assicurato per questi inconvenienti.

La situazione è più semplice per i viaggi aerei perché c’è una norma del codice della navigazione che prevede, nel caso in cui non si possa partire perché positivi al Covid o per un’altra malattia, il diritto al rimborso totale del costo del biglietto.

Quindi. generalmente, se si è acquistato solo il viaggio aereo si ha diritto al rimborso che secondo la legge deve essere in contanti anche se alcune compagnie stanno optando per i voucher. La norma in questo caso è molto chiara e il consumatore ne viene fuori tranquillamente.

13 Luglio 2022 · Andrea Ricciardi



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Vacanze estive – Come prenotarle in sicurezza?