Un’agenzia specializzata nell’aumentare i debiti dei propri clienti

Argomenti correlati:

LE DEBT AGENCY

Agenzia Debiti è nata a Milano, nel 2010, una sorta di Debt Agency come quelle che esistono negli Stati Uniti, società di consulenza che intervengono a risolvere le pendenze col fisco, banche e finanziarie cercando di far pagare il meno possibile.

Ovviamente, in epoca di crisi e di maggiori verifiche fiscali, mentre per le famiglie aumentano tasse e spese, aumenta anche il livello di indebitamento generale. Le Debt Agency quindi hanno buon gioco, perché sono migliaia i cittadini alle prese con pendenze fiscali che sperano di trovare una soluzione. Così Agenzia Debiti sta crescendo: attualmente ci lavorano circa 300 persone, tra dipendenti e consulenti. Si fa pubblicità e lavora molto via Internet, e sul suo sito, fino a qualche giorno fa, usava anche un servizio di Report sull’evasione per sponsorizzare il proprio lavoro. Poi dopo la nostra intervista l’ha tolto, evidentemente perché, come gli abbiamo fatto osservare, ne decontestualizzava e travisava contenuti e conclusioni.

AGENZIA DEBITI

Agenzia Debiti dice di essere al servizio dei cittadini indebitati con banche, società finanziarie e fisco e promette buone probabilità di successo nella risoluzione dei contenziosi, con una riduzione dei debiti che va dal 30 al 70%. Per esempio, nelle transazioni con banche e finanziarie – che rappresentano il 57% del totale dell’attività finora svolta – Agenzia Debiti afferma di aver ottenuto una riduzione superiore al 70% della massa debitoria nel 20% dei casi, tra il 50 e il 70% per il 65,5% dei casi e tra il 30 e il 50% per il 13,7% dei casi. Non è dato sapere, invece, il numero degli insuccessi e di quanti hanno rinunciato dopo il contatto iniziale.

I COSTI

Perché il servizio, naturalmente, ha un costo: quello iniziale che serve a monitorare la situazione (390 euro al momento dell’apertura della pratica) più quello della gestione del contenzioso che varia tra il 5 e il 15% dell’ammontare dell’intero debito, e che viene stabilito in anticipo e non dopo che è stata quantificata la riduzione della spesa.

Così viene da dire che girano un bel po’ di soldi per un bel giro d’affari. Perché nell’era dell’economia del debito, per sperare di ridurre le proprie pendenze con banche, finanziarie o fisco, si finisce per crearne delle nuove.

Il debito di alcuni diventa il business di altri

di Giovanna Boursier dal Corriere della Sera

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Agenzia debiti
Ho già letto le altre risposte sulle agenzie debiti, ma una cosa mi sfugge. Ho 30000€ di debiti inps già notificati da equitalia. Un agenzia debiti mi ha detto che se queste cartelle non vengono notificate da un messo comunale o da un esattore, ma arrivano tramite posta o raccomandata possono essere contestate e il debito annullato. E' vero o cercano soltanto di scucirmi altri soldi? ...

Ancora su Agenzia Debiti - se ne occupano anche le IENE
390 euro per ridurre del 70% il debito di Equitalia. Il servizio della iena Nadia Toffa, opportunamente intitolato Poveri e Illusi, lancia l'allarme sul pericolo di incappare nelle agenzie che promettono di risolvere ogni tipo di debito con il metodo del "saldo e stralcio", che consiste nel patteggiare la somma col creditore. Nadia Toffa ha seguito per mesi una di queste agenzie che agiva attraverso il sito agenziadebiti.it e ha inserito un infiltrato nell'organico per seguire il training degli operatori. "Ci chiedevano di diventare degli squali", racconta un pentito, "e di fare leva sulle cose che rischiano di vedersi sequestrare, ...

Analisi delle informazioni biometrico-comportamentali dei clienti per combattere le frodi nell'internet banking
Per combattere i furti di identità e le frodi nell'internet banking, la banca potrà analizzare informazioni biometrico-comportamentali dei clienti, quali la pressione sul touch screen o i movimenti del mouse, in occasione della loro "navigazione" nell'area privata del proprio sito web. Il sistema, sottoposto al Garante della privacy per una verifica preliminare, si propone di innalzare i livelli di tutela attualmente previsti(come password per l'accesso al conto corrente on line, oppure one time password per bonifici e altre operazioni) con nuove modalità di "identificazione" dell'utente. Per raggiungere tale obiettivo, l'istituto di credito ha chiesto a un partner tecnologico di generare ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Un’agenzia specializzata nell’aumentare i debiti dei propri clienti