Pignoramento del trattamento di fine rapporto del coerede per debiti del de cuius

Può l’Agenzia delle Entrate Riscossione pignorare, anche se nella misura di legge, il trattamento di fine rapporto di un solo erede (soggetto A) per debiti che sono emersi dopo la morte del de cuius avvenuta anni fa, nonostante ci siano beni mobili in eredità assegnati ad altri fratelli?

Visto che il trattamento di fine rapporto è un bene del soggetto A che cadrebbe in successione ai figli di A, l’espropriazione potrebbe realizzarsi ancor prima della definita successione?

I coeredi contribuiscono tra loro al pagamento dei debiti e dei pesi ereditari, in proporzione alle quote ereditarie che loro spettano: è quanto dispone l’articolo 752 del codice civile.

Indipendentemente da come sia stato ripartito l’attivo dell’asse ereditari, dunque, ciascuno dei coeredi risponde, secondo la medesima quota ereditaria con cui è stato ripartito l’attivo, dei debiti del de cuius emersi successivamente al decesso e non ancora prescritti.

Se, pertanto, un coerede ha diritto al Trattamento di Fine Rapporto (TFR), tale somma può essere pignorata in misura del 20% e fino al massimo della quota ereditaria del passivo lasciato dal de cuius ed a lui spettante.

Qualsiasi bene di proprietà (non solo il TFR) cade in successione agli eredi legittimi: ciò non può impedire che, se il proprietario è debitore, tali beni possano essere espropriati per soddisfare i crediti insoddisfatti vantati nei suoi confronti, prima che passino in successione agli eredi legittimi, o prima che possano essere oggetto di disposizione da parte del debitore stesso.

26 Dicembre 2018 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Pignoramento su competenze di liquidazione e su trattamento di fine rapporto
In caso di cessazione rapporto di lavoro, con competenze (per ferie arretrate, 13ma, 14ma eccetera) tali da superare l'importo netto di euro 5 mila, chiedo se l'intero importo possa subire la ritenuta per pignoramento del 20%, pur a fronte di uno stipendio mensile che, essendo inferiore ad euro 2 mila e 500 netti, era stato assoggettato nel corso del rapporto di lavoro al pignoramento in misura del 10%. Chiedo inoltre se il Trattamento di Fine Rapporto, retribuito nel mese successivo e al netto della ritenuta fiscale, sia pignorabile in misura del 20%. ...

Trattamento di fine rapporto e trattamento di fine servizio (o indennità di buonuscita) - Differenze
L'indennità di buonuscita (trattamento di fine servizio o TFS) è l'importo che spetta ai dipendenti civili e militari dello Stato assunti a tempo indeterminato entro il 31 dicembre 2000, alla cessazione, per qualunque causa, del rapporto di lavoro con l'Amministrazione di appartenenza. Il trattamento di fine rapporto (TFR), invece, è l'importo corrisposto ai dipendenti privati e a quelli pubblici assunti con contratto a tempo indeterminato dopo il 31 dicembre 2000. La base contributiva, cui l'indennità di buonuscita deve essere commisurata, non può includere emolumenti diversi da quelli espressamente menzionati dal DPR 1032/1973 (articolo 38), la cui elencazione ha carattere tassativo, ...

Pignoramento del Trattamento di Fine Rapporto presso aziende pubbliche
Ho un paio di cartelle esattoriali con l'agenzia delle entrate e sto per presentare le mie dimissioni: chiedevo se l'eventuale pignoramento del Trattamento di Fine Rapporto avviene solo per dipendenti di aziende pubbliche o anche per dipendenti di aziende private. ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Pignoramento del trattamento di fine rapporto del coerede per debiti del de cuius