Testamento olografo e tutela immobile dai creditori di un figlio debitore


La presente discussione si ricollega alla precedente qui posta: io e mia moglie siamo proprietari di un appartamento: abbiamo due figli di cui uno ha molti debiti dovuti alla chiusura di una azienda. Per tutelare l’appartamento dai creditori di un figlio debitore chi di noi due decede prima potrà lasciare la sua quota di proprietà (50%) al figlio non debitore e legare il diritto di abitazione al figlio debitore relativamente al 50 dell’immobile lasciato al figlio non debitore ANCHE SE IL DIRITTO DI ABITAZIONE SPETTA EX LEGE AL CONIUGE SUPERSTITE? Ovviamente il coniuge superstite è d’accordo e non impugnerebbe tale decisione. Se non è possibile, il coniuge superstite potrebbe rinunciare al suo diritto di abitazione alla morte dell’altro cosicchè solo il figlio debitore è titolare di tale diritto? Infine la quota di proprietà (50%) lasciata al figlio non debitore deve essere lasciata anche al coniuge superstite? Grazie

E’ ovvio che il diritto di abitazione dell’immobile in cui il coniuge superstite vive, spetta (spetterebbe) al coniuge superstite, così come è ovvio che, se si hanno due figli, un coniuge ed un immobile di proprietà, quest’ultimo deve (dovrebbe) essere lasciato per 1/4 al coniuge superstite e per 1/4 a ciascuno dei due figli (eredità riservata ai legittimari) e solo per 1/4 il testatore potrebbe disporne a proprio piacimento (eredità disponibile).

Tutto l’ambaradam si basa sul presupposto che nessuno degli aventi diritto, defraudato di quanto eventualmente gli spetti per legge, si rivolga al giudice per ottenere giustizia. Men che meno potrà farlo il creditore del coerede (debitore) pretermesso, al quale viene lasciato il solo diritto di abitazione dell’immobile. Insomma, tutti i soggetti coinvolti devono partecipare consapevolmente al progetto di tutela della quota di eredità spettante (per legge) al componente familiare debitore.

Come abbiamo cercato di spiegare, il creditore – per potere avviare azione di riduzione dell’eredita lasciata agli altri parenti nel testamento (eccedente la quota disponibile al de cuius (nella fattispecie 1/4), nell’interesse del proprio debitore – dovrebbe preventivamente ottenere, dal proprio debitore, la rinuncia al diritto di abitazione assegnatogli per testamento.

Il creditore del coerede pretermesso, d’altra parte, non potrà agire (non sussistendo presupposti di legge in tal senso), nell’interesse del coniuge superstite che si vede assegnare per testamento il diritto di abitazione, a lui spettante, in condivisione con uno dei propri figli. Solo il coniuge superstite potrebbe adire il giudice per vedersi assegnare, in esclusiva, il diritto di abitazione nell’appartamento (escludendo il figlio – e a questo punto il creditore potrebbe liberamente agire per ottenere il ripristino di quanto spetterebbe al proprio debitore legittimario).

23 Giugno 2021 · Patrizio Oliva



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?