Ipotesi di disposizioni testamentarie a favore di coniuge superstite fortemente indebitato


Vorrei lasciare per testamento dei soldi a mia moglie fortemente indebitata, per evitare che i soldi possano essere pignorati, se versati sul conto corrente di mia moglie, ho pensato di disporre per testamento che i soldi possano essere consegnati a mia moglie tramite vari assegni circolari che lei potrebbe incassare direttamente alla cassa della banca senza transitare sul conto corrente e correre il rischio di un pignoramento.

E gradirei sapere se questa disposizione testamentaria e sufficiente a far emettere dalla banca i suddetti assegni. grazie

La legge consente di inserire disposizioni non patrimoniali nel testamento, limitandole, tuttavia, a fattispecie ben precise, come ad esempio il riconoscimento di figlio naturale, la designazione di un tutore per il figlio minore o interdetto, la nomina di uno o più esecutori testamentari (articolo 700 e 703 del codice civile), le disposizioni concernenti il funerale la sepoltura, la cremazione.

Per lo scopo che lei si prefigge dovrebbe nominare un curatore di fiducia (il curatore nominato unilateralmente potrebbe anche non accettare l’incarico), accordarsi previamente con lui per i costi della curatela e mettergli a disposizione la liquidità per adempiere alle disposizioni testamentarie.

Oppure, lei dovrebbe creare un Trust fiduciario e impartire le disposizioni di emissione di assegni (anche non circolari) al gestore. Il servizio, oltre alla costituzione del Trust, avrebbe comunque un costo rilevante che potrebbe risultare anche paragonabile al debito della vedova.

Quello che è certo che la banca non è tenuta a eseguire, per di più gratuitamente, le indicazioni testamentarie di un semplice intestatario del conto corrente.

Qualora pensasse, come ripiego, di poter emettere gli assegni circolari in anticipo, deve sapere che un assegno circolare scade dopo tre anni dalla sua emissione: inoltre, fino al 31 dicembre 2021, il beneficiario senza conto corrente intestato, potrà ritirare in contanti, al massimo 1.999,99 mentre dal primo gennaio 2022 l’importo scende a 999,99 euro. Quindi l’importo facciale degli assegni circolari emessi dovrebbe tener conto di tale variazione.

Infine, se la vedova, come spesso accade, disporrà di una pensione INPS di reversibilità, è inevitabile che questa possa essere pignorata, a meno che la vedova non rinunci all’eredità (la rinuncia all’eredità non preclude la fruizione della pensione di reversibilità).

31 Maggio 2021 · Giorgio Martini



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Ipotesi di disposizioni testamentarie a favore di coniuge superstite fortemente indebitato