Tempistiche fallimento

Domanda di Vittorio
24 febbraio 2016 at 09:30

Il 7 luglio dello scorso anno ho cessato ditta individuale per cercare di far trascorrere un anno senza subire istanze di fallimento da parte di creditori. Oggi siamo ormai a fine febbraio, nessuno ha ancora fatto istanze, nemmeno di pignoramento, né ingiunzioni di pagamento ufficiali. Quanto tempo ci vuole per un creditore per ottenere sentenza di fallimento? Se un creditore domani si sveglia e aggredisce le procedure quando potrebbe avere sentenza effettiva dal giudice?

Risposta di Tullio Solinas
24 febbraio 2016 at 09:59

Soggetto fallibile è l'imprenditore che non in grado di dimostrare di possedere congiuntamente, durante gli anni in cui ha esercitato l'attività, i requisiti seguenti:

  1. aver avuto, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito della istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, un attivo patrimoniale di ammontare complessivo annuo non superiore ad euro trecen
  2. tomila;

  3. aver realizzato, in qualunque modo risulti, nei tre esercizi antecedenti la data di deposito dell'istanza di fallimento o dall'inizio dell'attività se di durata inferiore, ricavi lordi per un ammontare complessivo annuo non superiore ad euro duecentomila;
  4. avere un ammontare di debiti anche non scaduti non superiore ad euro cinquecentomila.

Il fallimento è dichiarato su ricorso del debitore o di uno o più creditori: gli imprenditori possono essere dichiarati falliti entro un anno dalla cancellazione dal registro delle imprese, se l'insolvenza si è manifestata anteriormente alla medesima o entro l'anno successivo.

La durata delle procedure fallimentari varia in ragione della loro complessità e può protrarsi fino sette anni (termine massimo fissato dalle pronunce della Corte Europea dei diritti dell'uomo e delle libertà fondamentali).

La Suprema Corte (sentenza 10233/15) ha ribadito che la durata ragionevole delle procedure fallimentari può essere stimata in cinque anni per quelle di media complessità.

La complessità (e dunque la durata) della procedura può dipendere da vari fattori quali la presenza di un numero particolarmente elevato dei creditori, di una particolare natura o situazione giuridica dei beni da liquidare (partecipazioni societarie, beni indivisi, ecc), da numerose ammissioni al passivo, dalla proposizione e definizione di un'opposizione allo stato passivo, dalla formulazione di domande di concordato, poi revocate e dall'intervento del curatore in un procedimento esecutivo immobiliare.


condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del forum iscriviti al feed RSS delle discussioni del forum

Altre discussioni simili nel forum

procedure di fallimento e concordato preventivo

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Inefficacia dei pagamenti a favore del creditore del fallito per pignoramenti presso terzi già in corso ed azionati prima della dichiarazione di fallimento
La giurisprudenza consolidata di legittimità ha da tempo chiarito che in caso di fallimento del debitore già assoggettato ad espropriazione presso terzi, il pagamento eseguito dal terzo debitore in favore del creditore che abbia ottenuto l'assegnazione del credito pignorato è inefficace se intervenuto successivamente alla dichiarazione di fallimento, non assumendo ...
Cessione crediti ed opponibilità al fallimento del cedente
Qualora il cessionario abbia pagato in tutto o in parte il corrispettivo della cessione ed il pagamento abbia data certa, la cessione è opponibile al fallimento del cedente dichiarato dopo la data del pagamento. La norma dispone anche che l'efficacia della cessione verso i terzi non è opponibile al fallimento ...
Separazione personale » Fare figli in ritardo per dedicarsi alla carriera non è causa di fallimento del matrimonio: nessun addebito al coniuge
Non va addebitata la separazione personale al coniuge che ha voluto attendere, prima di mettere su famiglia, per puntare sulla propria carriera. Nell'ambito di una separazione personale, l'idea di mettere su famiglia dopo alcuni anni di matrimonio, una volta conseguita una maggiore stabilità lavorativa, non può essere causa del fallimento ...
Fallimento del datore di lavoro » Se giudice dispone il pagamento del Tfr ai dipendenti dall'Inps quest'ultimo non può contestarlo
In caso di fallimento del datore di lavoro, qualora il giudice delegato del fallimento abbia disposto il pagamento, ai dipendenti, del Tfr da parte dell'Inps, quest'ultimo non può contestare tale decisione. L'esecutività dello stato passivo che abbia accertato in sede fallimentare l'esistenza e l'ammontare di un credito per TFR in ...
Recupero del TFR quando il datore di lavoro è fallibile ma non può essere dichiarato il fallimento
La legge prevede il pagamento del TFR da parte dell'INPS qualora il datore di lavoro, non soggetto a fallimento, non adempia, in caso di risoluzione del rapporto di lavoro, a detto pagamento, ma requisito indispensabile è che il lavoratore abbia infruttuosamente esperito l'esecuzione forzata per la realizzazione del credito. Ricordiamo, ...

Spunti di discussione dal forum

Coinvolgimento srl in fallimento
buonasera sono nullatenente, se fallisco con la mia ditta individuale, e porto la mia attività attuale nella srl di mia moglie (lei amministratrice e socia al 95%) dove risulto solo come consulente, il fatto che io replichi nella srl i modelli di business che avevo nella ditta individuale puo essere…
Fallimento ed ottenuta esdebitazione – Può l’Agenzia delle entrate chiedermi ancora l’IVA?
In seguito alla chiusura del fallimento ho ottenuto dal tribunale l’esdebitazione: l'agenzia delle entrate, però, mi richiede delle somme riguardanti IVA (cifre ovviamente inerenti all'attività per la quale ho chiesto il fallimento) notificate al curatore l’anno della dichiarazione del fallimento (ma dopo la data di apertura). Per questo motivo sarebbero…
Chiusura società individuale con debiti
Ho una ditta individuale che purtroppo sarò costretta a chiudere per fallimento. Ad oggi sono molti i debiti presenti verso società, banche. Qual'è la giusta procedura per chiudere la ditta e per verificare la situazione debitoria e procedere per un piano di rientro dei debiti? Posso chiudere la ditta nonostante…
Revoca fidi e probabile fallimento
Sono nullatenente: il 31 marzo la banca creditrice, dopo un'analisi dello stato patrimoniale della mia ditta individuale, mi ha revocato fidi per 120 mila euro, da un giorno all'altro, costringendomi a chiudere. Il 7 luglio ho effettuato cessazione attività ed ora spero di riuscire a tirare un anno in modo…
Pignorabilità dell’eredità
Sono sposato in separazione dei beni, ho una ditta individuale e sono nullatenente, non ho nulla di intestato. La casa è intestata a mia moglie, con la mia ditta individuale sto cercando di resistere ma potrebbe anche avvenire che entro 1,2,3 anni io possa andar incontro ad un fallimento. Se…

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali
contatti