Telecamere condominali e privacy – Il vademecum dell’Autorità Garante della protezione dei dati personali


Nel condominio dove abito vogliono installare una telecamera DVR per monitorare le entrate e uscite di chiunque dallo stabile: trattandosi di registrazioni, che vanno poi trasmesse a chi dovrà controllare, violano le normative privacy? Chi dovrebbe essere la persona preposta al controllo di tali immagini?

Va preliminarmente ricordato che l’articolo 1122 ter del Codice Civile stabilisce che le deliberazioni concernenti l’installazione sulle parti comuni dell’edificio di impianti volti a consentire la videosorveglianza su di esse devono essere approvate dall’assemblea con la maggioranza degli intervenuti e almeno la metà del valore dell’edificio (ovvero dei millesimi totali). Si tratta, evidentemente, di un’innovazione agevolata per cui è prevista una maggioranza inferiore rispetto a quella necessaria per approvare le innovazioni.

Sulla specifica questione degli impianti di videosorveglianza condominiale è poi intervenuto il Codice della Privacy (decreto legislativo 196/2003 e successive recenti modifiche) contemperando le esigenze di privacy dei condomini e dei terzi che nel condominio si recano con le esigenze di sicurezza afferenti le parti comuni.

L’amministratore di condominio dovrà provvedere all’affissione di un avviso ben visibile che allerta circa la presenza dell’area videosorvegliata e che deve riportare l’indicazione del titolare del trattamento delle immagini; l’avviso deve essere posto prima della zona di ripresa delle telecamere. Se l’impianto dovesse essere in funzione anche di notte, è necessario che l’avviso venga sufficientemente illuminato.

In particolare, non è possibile installare impianti di videosorveglianza che puntino l’obiettivo su aree esterne alla proprietà condominiale.

Le immagini registrate possono essere conservate per un tempo massimo di 48 ore, poi devono essere cancellate.

Una trattazione dettagliata ed esauriente delle problematiche connesse al quesito qui posto dal nostro lettore può essere acquisita con la lettura dei contenuti del vademecum “Il condominio e la Privacy” edito dall’Autorità Garante per la protezione dei dati personali.

20 Luglio 2021 · Marzia Ciunfrini



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Telecamere condominali e privacy – Il vademecum dell’Autorità Garante della protezione dei dati personali