Tassa di soggiorno – Quanto costa e quando si paga?


Argomenti correlati:

Per soggiornare in una notta città d’arte mi è stato chiesto di pagare in aggiunta al prezzo dell’hotel la tassa di soggiorno: vorrei sapere a quanto ammonta ed in quali casi si paga.

Potete aiutarmi?

La tassa di soggiorno, o più precisamente l’imposta di soggiorno, è un tributo introdotto dalla legislazione italiana a partire dal 2011 con la riforma del federalismo fiscale.

La tassa di soggiorno viene richiesta al viaggiatore per ogni notte di permanenza presso una struttura ricettiva di qualsiasi genere: hotel; bed and breakfast; villaggio turistico; ecc.

Il principio alla base di questo pagamento prevede che il turista, nel momento in cui si reca in un altro comune, usufruisca in parte dei servizi offerti da quel luogo. La tassa di soggiorno serve proprio a finanziare tutti quei servizi come, ad esempio, il trasporto pubblico o la cura del verde cittadino.

Occorre comunque precisare che la tassa di soggiorno non è richiesta su tutto il territorio nazionale.

Difatti, spetta ai singoli comuni stabilire se introdurre questo genere di imposta e quindi il suo ammontare.

Il pagamento della tassa di soggiorno viene effettuato dal turista al termine della sua vacanza.

La cifra complessiva viene calcolata a persona in base al numero di notti trascorse nel comune.

Quanto può costare la tassa di soggiorno, come detto, dipende da comune a comune ma a livello nazionale questo contributo può variare da un minimo di 1€ a un massimo di 5€.

Sono comunque le singole amministrazioni comunali a stabilire quanto chiedere come tassa di soggiorno e alcune amministrazioni locali hanno deciso di far pagare quest’imposta solo ai turisti che decidono di pernottare in determinati periodi dell’anno.

Ci sono poi delle città come Venezia, Roma o Firenze, dove la presenza turistica è costantemente elevata e dove la tassa di soggiorno spesso può superare i 5€.

Il consiglio è quindi quello di informarsi prima di partire su quale sia il contributo previsto per l’imposta di soggiorno.

Il pagamento della tassa di soggiorno verrà richiesto dalla struttura dove avete deciso di pernottare al momento del pagamento della vostra vacanza.

Il pagamento di quest’imposta potrà essere effettuato sia in contanti che con pagamento elettronico.

Sarà poi la struttura, a sua volta, a versare al comune quanto dovuto per l’imposta di soggiorno.

Come è sempre bene fare, al momento di pagare, verificate che vi venga addebitato l’importo corretto diviso per il numero di persone e per le notti passate nel comune di villeggiatura.

Vi sono poi determinate categorie che sono esentate dal pagamento dell’imposta di soggiorno. Le norme che regolano eventuali esenzioni sono comunque stabilite a livello comunale ma in linea di massima a non dover pagare questo tributo sono:

  • i bambini, in alcuni casi fino ai 10 anni, in altri addirittura fino ai 18;
  • le persone disabili;
  • le persone che accompagnano persone portatrici di handicap;
  • gli autisti o più in generale gli accompagnatori turistici;
  • le forze armate;
  • i residenti nello stesso comune in cui si pernotta;
  • chi decide di pernottare presso i cosiddetti ostelli della gioventù.

20 Luglio 2022 · Andrea Ricciardi



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Tassa di soggiorno – Quanto costa e quando si paga?