TARI 2015 – Quando l’omessa presentazione della dichiarazione di inizio occupazione dell’immobile che fruisce dei servizi di smaltimento rifiuti pospone di un anno il termine quinquennale di decadenza dell’accertamento


Ieri ho ricevuto una raccomandata AR da parte del Comune di residenza per un accertamento sulla TARI 2015. Il timbro riporta la data di spedizione del 14.01.2021. Potreste gentilmente dirmi se va pagata o se è caduta in prescrizione? Ed in tal caso cosa bisogna fare per chiedere l’annullamento dell’avviso. Grazie anticipatamente per l’aiuto.

La TARI 2015 avrebbe potuto essere versata entro il 31 dicembre 2015: tuttavia, se mai presentata, la dichiarazione di inizio occupazione, intervenuta nel 2015 (o negli anni addietro), avrebbe potuto essere effettuata entro il 20 gennaio 2016 (articolo 70 decreto legislativo 507/19993).

Ora, gli avvisi di accertamento d’ufficio per l’omessa denuncia di inizio occupazione relativamente alla TARI (TAssa RIfiuti) possono essere notificati, a pena di decadenza, entro il 31 dicembre del quinto anno successivo a quello in cui la dichiarazione avrebbe dovuto essere effettuata.

Se ne conclude che per il Comune di residenza non è intervenuta decadenza del potere di notificare accertamento perla TARI relativa al 2015.

In ogni caso, se fosse effettivamente intervenuta la decadenza del potere di accertamento, questa avrebbe potuto essere eccepita solo con un formale ricorso alla Commissione Tributaria Provinciale territorialmente competente.

20 Gennaio 2021 · Paolo Rastelli



Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic TARI 2015 – Quando l’omessa presentazione della dichiarazione di inizio occupazione dell’immobile che fruisce dei servizi di smaltimento rifiuti pospone di un anno il termine quinquennale di decadenza dell’accertamento