Cartelle esattoriali e avvisi di accertamento notificati via posta per compiuta giacenza

Argomenti correlati:

Mi è stata notificata il 23/03/2015 dal mio comune una cartella di pagamento TARSU relativa all’anno 2010 la quale non ho pagato, perchè in realtà non ho ricevuto il plico: casualmente mi sono accorto di una cartella di pagamento sul sito del Agenzia delle Entrate riscossione in attesa di notifica o via Pec o via Posta relativa alla suddetta TARSU del 2010 (pertanto non ancora notificata) la mia domanda è: posso invocare la prescrizione visto che sono trascorsi oltre i 5 anni dalla prima notifica valida da parte del comune?

Una cartella esattoriale o un avviso di accertamento o possono essere validamente notificati anche per compiuta giacenza presso l’ufficio postale.

Qualora il tentativo di consegna nelle mani del destinatario non vada a buon fine per temporanea irreperibilità sua e dei familiari conviventi abilitati a ritirare la comunicazione raccomandata, il postino è tenuto a lasciare un avviso di inizio giacenza (sotto l’uscio della porta di ingresso dell’appartamento in indirizzo, o nella cassetta condominiale se l’androne dell’edificio in cui risiede il destinatario ne è provvisto).

Per parlar chiari, il postino potrebbe anche non lasciare nulla: fatto sta che, decorsi dieci giorni dall’inizio di giacenza, la cartella esattoriale o l’avviso di accertamento si considera correttamente notificato.

Dunque, è probabile che l’avviso di accertamento TARSU del 2010, ritenuto in attesa di notifica, sia stato, invece, già notificato per compiuta giacenza. In ogni caso non potrà comunque fare più nulla.

Infatti, la cartella esattoriale notificata nel 2015 va in prescrizione nel 2025. Per eccepire l’omessa notifica dell’atto presupposto (l’avviso di accertamento del 2010) alla cartella esattoriale correttamente notificata nel 2015, avrebbe dovuto presentare ricorso (sempre ammesso che nel 2010 non sia intervenuta la notifica per compiuta giacenza dell’atto prodromico) entro 60 giorni a partire dal 23 marzo 2015.

9 Gennaio 2021 · Paolo Rastelli

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ingiunzione fiscale per omesso pagamento Tarsu 2011/2012 - A me risultano mai notificati gli avvisi di accertamento
Nel mese di Dicembre 2018 ricevo, dal comune di Milano Ingiunzione di Pagamento per la TARSU 2011 e 2012 non pagata, nella lettera mi viene comunicato che l'avviso di pagamento è stato notificato nel mese di Dicembre 2015 ma in realtà non ho ricevuto nessuna comunicazione/raccomandata; Mi sono rivolto al comune per segnalare la cosa ma l'unica risposta che mi hanno dato è che "a loro risulta notificato a Dicembre 2015 e che non possono fornire documentazione relativa alla raccomandata/comunicazione dell'avviso di pagamento" e devo procedere con il pagamento per evitare ulteriori sanzioni. Quindi viene richiesto il pagamento di Tarsu ...

Notifica diretta (semplificata) a mezzo posta di avvisi di accertamento e cartelle esattoriali - Se l'atto è consegnato al portiere non è necessaria la raccomandata informativa da spedire all'effettivo destinatario
Gli uffici dell'amministrazione finanziaria (Agenzia delle entrate) ed il concessionario della riscossione (Equitalia) possono procedere alla notifica a mezzo posta ed in modo diretto degli avvisi e degli atti che per legge vanno notificati al contribuente. Ne consegue che, quando l'ufficio dell'amministrazione finanziaria, o il concessionario si sia avvalso di tale facoltà di notifica semplificata, alla spedizione dell'atto si applicano le norme concernenti il servizio postale ordinario, anche con specifico riferimento ad un atto notificato a mezzo portiere per il quale non è necessaria la raccomandata informativa successivamente spedita all'effettivo destinatario. Tale conclusione trova conforto nel chiaro tenore testuale dell'art. ...

Atti trasmessi via posta - Compiuta giacenza e perfezionamento della notifica per il destinatario
Com'è noto, nella notifica diretta effettuata tramite servizio postale, qualora il destinatario risulti temporaneamente assente, il postino lascia un avviso di giacenza dell'atto presso l'ufficio postale (a tale proposito, leggasi questo topic). In tale circostanza, è da confutare, a nostro parere, l'affermazione secondo la quale alcune Pubbliche Amministrazioni ritengono che qualora la giacenza superi i 10 giorni successivi al tentativo di consegna dell'atto non andato a buon fine, la notifica per il destinatario debba intendersi perfezionata il giorno in cui il postino ha lasciato l'avviso nella buchetta delle lettere (o sull'uscio di casa). Noi ci atteniamo, fino a prova contraria, ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Cartelle esattoriali e avvisi di accertamento notificati via posta per compiuta giacenza