Assegnazione di beni la cui assegnazione non è definita nel testamento

Argomenti correlati:

In linea generale, l’articolo 479 del codice civile recita espressamente se il chiamato alla eredità decede senza averla accettata, il diritto di riceverla si trasmette agli eredi.
CASO SPECIFICO: Testatore indica la moglie usufruttuaria e nudi proprietari due nipoti – figli del figlio, questi oberato di debiti e una figlia del testatore. La usufruttuaria decede prima del testatore senza aver accettato l’eredità. Quindi o l’usufrutto si riunisce alla nuda proprietà oppure si dovrebbe rientrare nella successione legittima. Grazie.

Se la moglie decede prima del marito testatore, ella non diviene usufruttuaria dell’immobile, come disposto nel testamento del coniuge, e quindi ci troviamo nel caso di assegnazione di beni (l’usufrutto) la cui assegnazione non è inclusa nel testamento. Attualmente, la giurisprudenza non ha un orientamento univoco sulle modalità di assegnazione dei beni non inclusi nelle disposizioni testamentarie in assenza di un erede universale: si individuano due diverse posizioni. Secondo un primo orientamento i beni vanno agli eredi testamentari in proporzione delle quote; secondo altra posizione, i beni vanno solo agli eredi legittimi, con la conseguenza che sui beni di cui il testatore non ha disposto, si aprirà la successione legittima.

Nel caso specifico, per fortuna, gli eredi testamentari rivestono anche la qualità di eredi legittimi e dunque il problema non si pone.

Tuttavia ricordiamo al lettore che oltre all’articolo 479 del codice civile esiste anche l’articolo 524 del codice civile (impugnazione della rinuncia) in base al quale, se taluno rinunzia, benché senza frode, a un’eredità con danno dei suoi creditori, questi possono farsi autorizzare ad accettare l’eredità in nome e luogo del rinunziante, al solo scopo di soddisfarsi sui beni ereditari fino alla concorrenza dei loro crediti.

Quindi, non è detto che i due nipoti del testatore, che subentrano come eredi per rappresentazione in seguito alla rinuncia del genitore debitore, riusciranno a godersi tutta l’eredità del nonno.

21 Aprile 2021 · Michelozzo Marra

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Testamento olografo con esclusione di un legittimario oberato dai debiti
Testamento olografo in assenza di coniuge e con due figli: il testatore assegna al primo figlio il 50% ed esclude il secondo perché oberato da debiti. Assegna, quindi, ai due nipoti, figli del figlio legittimario pretermesso, il restante 50%. Il figlio legittimario pretermesso, ovviamente, non intende agire in giudizio per il ripristino della quota legittima e, in sua vece dovrebbe agire il creditore. Quale sarebbe, in questo caso, la quota spettante al primo figlio, ai due nipoti e al creditore? ...

Due testamenti olografi - Una matassa difficile da dipanare
Testamento olografo redatto aprile 2000 in cui il testatore, veramente nel pieno possesso delle sue facoltà, nominava erede universale il coniuge in quanto i due figli, avendo già ricevuto la propria quota di legittima, sottoscrivevano una scrittura privata intercorsa tra loro e il testatore con la quale si dava assenso a quanto già ricevuto con dichiarazione di non avere più nulla a pretendere. Successivo testamento olografo in cui il testatore, con tremolii nel gesto grafico, ripudiando inspiegabilmente il coniuge ancora vivente, nominava eredi due nipoti - figli del figlio escluso nel testamento perché oberato da ingenti debiti - e la ...

Due testamenti olografi, un legittimario debitore pretermesso, una quota disponibile assegnata in eccesso - Se il creditore agisce c'è materia per avvocati
Si premette che il testatore nell'anno 1996 ha concesso ai 2 figli una liberalità in danaro (donazioni): poi, nel 2001 fu redatto testamento olografo in cui il coniuge veniva nominata erede universale in quanto i 2 figli avevano già ricevuto la loro quota di legittima. Nel 2010 nuovo testamento senza revocare il precedente in cui nomina il coniuge usufruttuario (GIà PREMORTO), un figlio e 2 nipoti (figli del figlio pretermesso) nudi proprietari escludendo totalmente l'altro figlio pretermesso in quanto oberato da debiti. Il creditore può avviare azione giudiziale per il ripristino della quota di legittima già spettante al pretermesso? Ciò ...

Dove mi trovo?