Successione ereditaria e quota disponibile alla madre vedova con 5 figli

Argomenti correlati:

Spiego brevemente il mio caso: mio padre (ora morto da 10 anni) era titolare di debiti con Equitalia: dopo attenta valutazione ho deciso di fare rinuncia per cui ora trascorsi 10 anni dalla morte di mio padre, eredi effettivi risultano mia madre per una quota maggiore e i miei 4 fratelli. Volevo sapere se nonostante la rinuncia all’asse ereditario di mio padre, rientro nell’asse ereditario della quota che ora spetta a mia madre. Mia madre potrebbe fare una donazione spontanea di una parte della sua quota?

La rinuncia all’eredità di suo padre non comporta l’obbligo di rinuncia all’eredità di sua madre e quindi non preclude la possibilità di ereditare da sua madre (insieme agli altri quattro fratelli) i beni che ella ereditò al decesso del marito.

Sua madre può effettuare una donazione ad uno dei figli senza ledere i diritti degli altri 4 legittimari, esclusivamente nell’ambito della quota a lei disponibile (la parte di eredità che può devolvere a chiunque con testamento o con donazioni effettuate in vita). Nella fattispecie (cinque chiamati all’eredità) la quota disponibile al testatore o al donante è pari ad 1/3 della massa ereditaria complessiva, mentre a ciascuno dei 5 fratelli toccano (per legge) i 2/15 dell’eredità.

9 Luglio 2020 · Michelozzo Marra

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Chiamato tenuto alla collazione che rinuncia all'eredità - E' comunque obbligato a conferire alla massa ereditaria le donazoni ricevute in vita dal de cuius?
A seguito della rinuncia all'eredità del padre, il figlio, citato nel giudizio di riduzione per lesione della legittima da parte del fratello del padre, può chiedere di inserire nell'asse ereditario come collazioni le donazioni fatte al padre rinunciate da parte del de cuius? ...

Successione ereditaria senza testamento e lesione della quota di legittima
Con la morte di mio padre, siamo rimasti mia madre vedova e due figlie (io e mia sorella), quindi siamo tutti legittimari, e inoltre mio padre non ha fatto alcun testamento; secondo me ci saranno litigi tra di noi per dividere, in quanto mia sorella ha sempre avuto molti favori anche economici, e mia madre ha preso gran parte dei beni e adesso io voglio vederci chiaro; volevo chiedere questo: se io scopro che esiste una lesione della mia quota di legittima e dovessi fare l'azione di riduzione o qualche altra procedura per recuperare quello che mi spetta, devo accettare ...

Vendita di un terreno ereditato trent'anni fa senza presentare dichiarazione di successione e senza procedere alla divisione ereditaria
Mia madre vorrebbe vendere un terreno agricolo che ha ereditato oltre trent'anni fa dal padre: quando morì suo padre non venne fatta la successione (non so nemmeno se fosse obbligatorio allora) lei e i suoi tre fratelli divisero i beni in parti uguali senza alcuna registrazione, Cioè il primo prese un terreno, il secondo un'altro e così via il terzo e il quarto. Ora il problema è come fare a venderlo senza avere un atto intestato a suo nome, ma solo l'atto originario di compravendita del 1976, tra mio nonno (acquirente) e il venditore. Può lei dichiarare di essere in ...

Dove mi trovo?