Successione ereditaria e quota disponibile alla madre vedova con 5 figli


Argomenti correlati:

Spiego brevemente il mio caso: mio padre (ora morto da 10 anni) era titolare di debiti con Equitalia: dopo attenta valutazione ho deciso di fare rinuncia per cui ora trascorsi 10 anni dalla morte di mio padre, eredi effettivi risultano mia madre per una quota maggiore e i miei 4 fratelli. Volevo sapere se nonostante la rinuncia all’asse ereditario di mio padre, rientro nell’asse ereditario della quota che ora spetta a mia madre. Mia madre potrebbe fare una donazione spontanea di una parte della sua quota?

La rinuncia all’eredità di suo padre non comporta l’obbligo di rinuncia all’eredità di sua madre e quindi non preclude la possibilità di ereditare da sua madre (insieme agli altri quattro fratelli) i beni che ella ereditò al decesso del marito.

Sua madre può effettuare una donazione ad uno dei figli senza ledere i diritti degli altri 4 legittimari, esclusivamente nell’ambito della quota a lei disponibile (la parte di eredità che può devolvere a chiunque con testamento o con donazioni effettuate in vita). Nella fattispecie (cinque chiamati all’eredità) la quota disponibile al testatore o al donante è pari ad 1/3 della massa ereditaria complessiva, mentre a ciascuno dei 5 fratelli toccano (per legge) i 2/15 dell’eredità.

9 Luglio 2020 · Michelozzo Marra



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?