Stipendio netto al di sotto del 50% dopo le trattenute per pignoramento, cessione del quinto e prestito delega – Come è possibile?

Il mio stipendio per pignoramento, per cessione del quinto e per delega di pagamento è ridotto a meno della metà: cosa posso fare in questo caso?

Non può fare nulla: infatti quando calcola lo stipendio netto percepito deve riferirsi alla retribuzione al netto degli oneri fiscali e contributivi, ma al lordo di cessione del quinto e prestito delega. Quando calcola la parte impegnata deve riferirsi solo alla cessione del quinto e al pignoramento in corso. Non alla rata di rimborso del prestito delega.

Esempio: busta paga netta 1000 euro, rata mensile della cessione del quinto 200 euro, rata mensile del prestito delega 200 euro, rata mensile del pignoramento in corso 200 euro.

Il concorso della cessione del quinto e del pignoramento in corso impegnano solo 400 euro, quindi meno del 50% dello stipendio!

In pratica, solo le trattenute in busta paga per pignoramenti concorrenti (che possono essere non solo ordinari, ma anche esattoriali ed alimentari) e per cessione del quinto (con esclusione della rata di rimborso del prestito delega) sono vincolate a non eccedere, complessivamente, il 50% dello stipendio netto: così stabilisce l’articolo 545 del codice di procedura civile.

In effetti, al fine di verificare l’impignorabilità del 50% stipendiale, così come disposto dall’articolo 545 del codice di procedura civile, il prestito delega rientra nel calcolo solo quando è un prestito finalizzato al pagamento delle quote del prezzo di acquisto o della pigione afferenti ad alloggi popolari od economici costruiti in conformità alle disposizioni sulla normativa edilizia popolare ed economica, secondo quanto stabilito dall’articolo 58 del decreto del Presidente della Repubblica 180/1950. Altrimenti, il prestito delega si riduce al rango di un semplice prestito personale, anche se con garanzia e obbligo di pagamento rimesso al datore di lavoro, e quindi viene trattato, nel contesto di impignorabilità del 50% della busta paga, alla stessa stregua di un qualunque prestito personale richiesto ad una qualsiasi banca o finanziaria.

24 Gennaio 2020 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Il quinto di pignoramento si calcola sullo stipendio al netto degli oneri fiscali e contributivi, ma al lordo della cessione del quinto, del prestito delega e di altri pignoramenti in corso
In riferimento a questa ed a quest'altra precedente discussione, forse non ho spiegato bene la questione: le due cessioni del quinto riguardano due finanziarie quindi non hanno niente (presumo) a che fare con pignoramento di crediti alimentari. Inoltre con la prima trattenuta ho uno stipendio di circa 1000€ il quinto che mi si sta applicando di €386 non mi sembra giusto visto che il quinto di trattenuta si applica al netto dello stipendio. ...

Pignoramento stipendio gravato da cessione del quinto e prestito delega
Sono una lavoratrice dipendente, ho una busta paga di 1200 euro su cui vengono trattenute 240 cessione quinto e 230 cessione per prestito delega e quindi con uno stipendio netto di 730 euro. I creditori di una finanziaria possono pignorare ulteriormente il mio stipendio e il giudice può autorizzargli la coda? ...

Ho in corso la cessione del quinto, un prestito delega e un pignoramento che gravano sullo stipendio per il 50% - Se qualcuno chiede un ulteriore pignoramento, cosa può ottenere?
Ho in corso il quinto, la delega e un pignoramento che gravano sullo stipendio per il 50%. Se qualcuno chiede un ulteriore pignoramento, cosa può ottenere? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Stipendio netto al di sotto del 50% dopo le trattenute per pignoramento, cessione del quinto e prestito delega – Come è possibile?