Spese procedurali relative a verbale di infrazione CDS per eccesso di velocità – Davvero si tratta di costi dovuti al gestore dell’Autovelox?

Ho ricevuto un verbale di violazione per eccesso di velocità (54 km/h): la sanzione è di euro 42 sanabile con il pagamento di euro 29,40 se eseguito entro i 5 giorni. Ma ci sono le spese di notifica di euro 9,50 (e fin qui ci può stare perché sono le spese del Comando di Polizia Locale e di spedizione raccomandata). Poi però appaiono anche euro 12,30 di “spese procedurali” Incuriosito ho telefonato al Comando e mi hanno risposto che praticamente queste sono le spese richieste dal gestore dell’Autovelox stesso cioè la procedura per gestire la pratica. E’ tutto regolare?

L’articolo 201, comma 4, del codice della strada stabilisce che le spese di accertamento e di notifica del verbale di infrazione sono poste a carico di chi è tenuto al pagamento della sanzione amministrativa pecuniaria.

Dunque, oltre alla spese di notifica, sono previste dalla normativa vigente, anche quelle di accertamento, nella fattispecie, corrisposte dal Comune alla società a cui è stato affidato il servizio di esame visivo dei fotogrammi del veicolo che ha superato il limite di velocità nonché di individuazione del numero di targa.

13 Settembre 2020 · Giuseppe Pennuto

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Ho ricevuto la notifica di un verbale di multa per eccesso di velocità tramite autovelox dopo 123 giorni dall'infrazione
Ho ricevuto una multa per eccesso di velocità tramite autovelox avvenuto in data 27/10/2018 e accertata in data 29/10/18: la multa mi è stata notificata a casa il 1/3/2019 e dal comando risulta essere stata consegnata all'ufficio postale in data 16/11/18. Posso fare ricorso al Prefetto o non ci sono gli estremi? È possibile che siano passati 123 gg da quando è stata commessa l'infrazione e la notifica? ...

I 90 giorni per la notifica del verbale di multa decorrono dalla data dell'infrazione anche in caso di rilevamento automatico dell'eccesso di velocità
A fronte dell'eccezione di tardività della notifica del verbale di accertamento sollevata dal trasgressore o dal proprietario del veicolo ed accolta in sede giudiziale, spesso la Pubblica Amministrazione (PA) ricorre denunciando violazione e falsa applicazione dell'articolo 201 del codice della strada, e contesta che, nel caso di rilevamento automatico dell'infrazione, l'accertamento dell'illecito avviene necessariamente in un momento successivo, richiedendo un'attività istruttoria complessa (a mezzo dell'esame dei fotogrammi e l'incrocio dei dati) finalizzata a riscontrare il nesso tra il veicolo di cui è stato registrato il transito e la proprietà dello stesso. Ricordiamo che l'articolo 201 del codice della strada dispone ...

Il termine dei 90 giorni entro i quali il verbale di multa deve essere notificato all'obbligato decorre dalla data di accertamento dell'infrazione ma finisce in coincidenza con la data di spedizione del verbale o in coincidenza con la data di consegna del verbale?
In data 13/10/2018 mi è stata elevata una multa per violazione al Codice della strada: la data di spedizione del comando vigili urbani è 21/12/2018, la data nella busta verde è 15/01/2019: visto che sono trascorsi 94 giorni fra la data dell'infrazione e la data della busta verde posso fare ricorso? Premetto che ho chiesto al comando vigili urbani e mi hanno riferito che la data che fa fede per i 90 giorni è quella di spedizione del comando vigili all'ufficio postale. Cosa faccio visto che sono 181 euro? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Spese procedurali relative a verbale di infrazione CDS per eccesso di velocità – Davvero si tratta di costi dovuti al gestore dell’Autovelox?