Spese funerarie - A chi tocca pagarle?

Le spese funerarie, non costituendo debiti ereditari, gravano sugli eredi per effetto dell'acquisto della eredità. Ciò detto, essendo il defunto nullatenente è stato necessario e inderogabile provvedere al funerale da un figlio il quale ha sottoscritto un contratto con una agenzia funebre. Il pagamento dovrà essere suddiviso in parti uguali dal coniuge - in separazione dei beni - e dai due figli oppure dovrà essere sostenuto soltanto da colui che ha firmato il contratto?

I coeredi, secondo quanto disposto dall'articolo 752 del codice civile, contribuiscono tra loro al pagamento dei debiti e dei pesi ereditari in proporzione delle loro quote ereditarie.

I giudici della corte di Cassazione hanno poi stabilito, con la sentenza 28/2002, che le spese per le onoranze funebri del de cuius sono da comprendere tra i pesi ereditari, cioè tra quegli oneri che sorgono in conseguenza dell'apertura della successione e gravano sugli eredi per effetto dell'acquisto dell'eredità, concorrendo a costituire il passivo ereditario, che è composto sia dai debiti del defunto sia dai debiti dell'eredità.

Ne consegue, affermano i giudici di legittimità nella sentenza citata, che colui che ha anticipato tali spese ha diritto di ottenere il rimborso dagli eredi.

Venendo al nocciolo del problema, va ricordato che al momento del decesso del genitore i due figli ed il coniuge del defunto sono definiti con il termine tecnico di chiamati all'eredità. Se il chiamato non intende accettare l'eredità, vi deve rinunciare espressamente. Il chiamato all'eredità che intende rinunciare e che non è in possesso di beni ereditari, ha dieci anni di tempo, dalla data di decesso del de cuius.

Pertanto, se il coniuge del defunto e il figlio che non ha contribuito alle spese funerarie rinunciano entrambi all'eredità, il carico resta sulle spalle di chi le ha anticipate. Se rinuncia uno solo fra i due, il figlio che ha anticipato le spese funerarie ha diritto al rimborso di metà dell'importo anticipato.

E se il coniuge del defunto e il figlio che non ha anticipato le spese restano inerti dinanzi al dovere di sciogliere la riserva di rinuncia/accettazione dell'eredità? L'articolo 481 del codice civile offre un mezzo affinché la scelta sia, comunque, definita, stabilendo che chiunque vi abbia interesse (nella fattispecie chi ha anticipato le spese) può chiedere che l'autorità giudiziaria fissi un termine (inferiore a quello decennale) entro il quale il chiamato dichiari se accetta o rinunzia all'eredità. Trascorso questo termine senza che abbia fatto la dichiarazione, il chiamato perde il diritto di accettare (in pratica, viene considerato come se avesse rinunciato all'eredità).

Conclusioni: al figlio del de cuius che ha anticipato le spese, conviene farsi interamente carico dei costi per il funerale del genitore, altrimenti rischia pure di doverci rimettere le spese giudiziali per implementare la procedura ex articolo 481 del codice civile.

9 novembre 2018 · Simone di Saintjust

Tutti i chiamati all'eredità del deceduto Pinco Pallino l'hanno accettata: nel caso specifico la signora Tizia, coniuge superstite, e i due loro figli. Il figlio A provvede da solo al pagamento del funerale in quanto ha sottoscritto un contratto con l'agenzia funebre. Tizia, nelle more, decede e lascia per testamento un immobile al figlio A e ai due nipoti, figli del figlio B pretermesso, il quale non ha interesse alcuno a richiedere la lesione della legittima in quanto oberato da debiti e, i il suo creditore non intende surrogarsi al proprio debitore B per esercitare azione di riduzione del lascito testamentario di Tizia e di ripristino della quota di legittima spettante a B. Domanda: il funerale chi lo paga? il figlio " A " con i due nipoti?

Al momento del decesso del signor Pinco Pallino le spese del funerale devono essere ripartite fra Tizia, coniuge superstite, il figlio A e il figlio B, in ragione di un terzo ciascuno. Alla morte di Tizia, il suo contributo di 1/3 delle spese funerarie di Pinco Pallino (debito verso il figlio A) viene diviso fra gli eredi: 1/6 al figlio A e 1/12 ciascuno ai nipoti.

Se ne conclude che le spese del funerale di Pinco Pallino gravano: per 1/12 su ciascuno sui due nipoti di Tizia e Pinco Pallino (figli di B), in quanto eredi testamentari di Tizia; per 1/3 sul figlio A in quanto erede legittimo di Pinco Pallino e per 1/6, sempre sul figlio A, in quanto erede testamentario di Tizia; per 1/3 sul figlio B in quanto erede legittimo di Pinco Pallino.

Facendo di conto, ciascuno dei due nipoti deve pagare 1/12 di quanto anticipato dal loro zio A; A dovrà farsi carico della metà della spesa sostenuta ed anticipata per i funerali di Pinco Pallino; al figlio B, pretermesso dal testamento di Tizia ed erede di Pinco Pallino, toccherà sborsare 1/3 del costo del funerale.

Il tutto, nell'accorata speranza che, almeno per la ripartizione delle spese del funerale di Tizia, non siano insorti ulteriori problemi.

9 novembre 2018 · Lilla De Angelis

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

ripartizione spese funerarie

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Chi paga le spese funebri? » Eredi o coniuge legatario?
Quando si litiga anche per le spese del funerale: chi paga le spese funebri per la sepoltura del de cuius? Il Tribunale di Ragusa, richiamando giurisprudenza di Cassazione, con la sentenza del 7 giugno 2013, afferma: il rimborso delle spese funerarie per la sepoltura della moglie può essere preteso dal ...
Al pagamento delle spese funebri del defunto sono obbligati gli eredi - Chi anticipa l'importo ha diritto al rimborso
Per quanto riguarda il pagamento dei debiti e pesi ereditari (Cassazione sentenza 1994/2016) le spese per onoranze funebri rientrano tra i pesi ereditari, con la conseguenza che, colui che ha anticipato tali spese ha diritto ad ottenerne il rimborso da parte degli eredi, sempre che non si tratti di spese ...
Il coniuge separato assegnatario della casa familiare ha diritto al rimborso delle spese di conservazione dell'immobile detenuto in comproprietà anche se ciò non è previsto nell'accordo consensuale omologato
In tema di spese relative alle parti comuni di un bene, l'obbligo di partecipare ad esse incombe su tutti i partecipanti alla comunione in funzione delle utilità che la cosa comune deve a ciascuno di essi garantire. Pertanto, spetta al partecipante alla comunione che le abbia anticipate per gli altri ...
Irpef - detrarre le spese per asilo nido
Sono detraibili al 19% le spese sostenute dai genitori per il pagamento delle rette relative alla frequenza di asili nido da parte dei figli di età compresa tra i tre mesi e i tre anni. Il limite di spesa sul quale calcolare la detrazione è di 632 euro; pertanto, lo ...
Spese mediche, scolastiche ed extrascolastiche per i figli non economicamente indipendenti di genitori separati e divorziati » Quando è necessario il preventivo accordo
Le scelte di istruzione, educazione e salute relative al minore devono essere sempre concordate dai genitori salvo che ci sia un affido super esclusivo; in caso di figlio divenuto maggiorenne tali scelte devono essere necessariamente concordate anche dal figlio con ambedue i genitori. L'assegno di mantenimento periodico è destinato a ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca