Domanda su un sollecito di pagamento

In data 16/03/2012 un mio cliente ha ricevuto un sollecito di pagamento da equitalia inerente un atto notificato in data 03/05/2001 riguardante il pagamento di contributi INPS per SSN come operaio a tempo determinato degli anni 1994 e 1995.

Vorrei capire se, non avendo impugnato il primo atto notificato nel 2001, cosa si può eventualmente fare; se non si sono prescritti questi contributi e di conseguenza la cartella non è più impugnabile.

In genere, per le contribuzioni relative a periodi precedenti al 1 gennaio 1996 (data fissata dalla legge 335/95 per la decorrenza del termine di prescrizione di cinque anni, in luogo del precedente termine decennale) bisogna fare le seguenti distinzioni:

  1. se è stato notificato un atto interruttivo prima del 17 agosto 1995, si applica il termine decennale, a cui va aggiunto un termine di tre anni per la sospensione prevista dalla legge 11 novembre 1983 n. 638. Quindi possono essere recuperati i contributi IVS risalenti ai tredici anni precedenti (Cassazione, sentenza del 7.1.2004 n. 46);
  2. se è stato notificato un atto interruttivo tra il 17 agosto 1995 ed il 31 dicembre 1995, il recupero dei contributi potrà retroagire per dieci anni;
  3. se non è stato notificato alcun atto interruttivo, si applica il termine quinquennale introdotto dalla Legge 335/95.

Comunque, i contributi minori (DS, TBC, ENAOLI, SSN, ecc.) si prescrivono in cinque anni anche a seguito della legge n. 335/1995, in quanto nulla è cambiato rispetto alle precedenti disposizioni.

Di più non è possibile dire perchè non mi risulta chiaro se l'atto del 2001 sia un avviso di accertamento INPS o una cartella esattoriale successiva all'avviso.

17 aprile 2012 · Giovanni Napoletano

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Cartelle esattoriali originate da multe » Si al ricorso per sollecito di pagamento
Chiunque riceva solleciti di pagamento per cartelle esattoriali originate da multe per il codice della strada non pagate può ancora presentare ricorso presso il giudice di pace e sperare nell'annullamento dell'intero debito maturato verso la pubblica amministrazione. Il ricorso, infatti, può essere proposto non solo nei confronti della cartella di ...
La sospensione dell'atto impugnato nel contenzioso tributario
Il ricorrente, se dall'atto impugnato può derivargli un danno grave ed irreparabile, può chiedere alla commissione provinciale competente la sospensione dell'esecuzione dell'atto stesso con istanza motivata proposta nel ricorso o con atto separato notificata alle altre parti. Il collegio, sentite le parti provvede con ordinanza motivata non impugnabile. Il dispositivo ...
Equitalia e i solleciti di pagamento » Motivi di contestazione
Equitalia, riguardo alla notifica dei solleciti di pagamento, relativi soprattutto alle cartelle di modico valore (ammontare inferiore ai mille euro) non agisce in modo del tutto legittimo. Vediamo quali precauzioni adottare. Il sollecito di pagamento dovrebbe essere, di norma, un atto successivo alla notifica delle cartelle esattoriali e sarebbe previsto ...
Ricorso – impugnabile la “comunicazione di iscrizione a ruolo” spedita a mezzo posta
Con la pronuncia numero 14373 del 15 giugno 2010, la Suprema Corte afferma che è possibile impugnare la comunicazione di iscrizione a ruolo delle somme dovute, spedita al contribuente debitore a mezzo del servizio postale. I giudici stabiliscono così un principio importante in materia di accertamento e contenzioso tributario, equiparando ...
Difetto di notifica dell'atto presupposto - Implicazioni della scelta di impugnare il solo atto consequenziale o anche l'atto presupposto
Atteso che la correttezza del procedimento di formazione della pretesa tributaria é assicurata mediante il rispetto di una sequenza procedimentale di determinati atti, con le relative notifiche, allo scopo di rendere possibile un efficace esercizio del diritto di difesa del destinatario, l'omissione della notifica di un atto presupposto costituisce un ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca