Sofferenza bancaria e segnalazione perenne in CRIF

Nel 2009 la banca con cui lavoravo mi ha fatto andare in rosso pagando qualche RID o qualche assegno, ma si trattava sempre di pochi soldi, non si arrivava o si superava di poco i mille euro. Poi è seguito un periodo di crisi nell'attività e ho cercato di sanare questo scoperto versando ogni mese che le competenze trimestrali in parte si rimangiava. Nel 2012 mi hanno chiuso il conto per l'andamento e hanno passato a sofferenza circa 900 euro con segnalazione in CRIF.

Da allora mi sono accorto che ogni tre anni mi segnalano puntuali, cioè in pratica possiedono la mia anima per poche centinaia di euro che gli stavo anche dando, con difficoltà, ma ero presente. E' possibile che possano segnalare a vita? Posso usare la lettera di chiusura conto come chiusura rapporto e quindi fare la cancellazione dal CRIF? Piano piano sto risalendo e venendo fuori dai guai, ma questa segnalazione mi chiude le porte ed è difficile vedere in positivo.

La disposizione prevista dal codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti stabilisce che le informazioni relative a inadempimenti non successivamente regolarizzati possono essere conservate nei Sic non oltre trentasei mesi dalla data di scadenza contrattuale del rapporto oppure, in caso di altre vicende rilevanti in relazione al pagamento, dalla data in cui è risultato necessario il loro ultimo aggiornamento, o comunque dalla data di cessazione del rapporto.

Detta norma rende incerta l'individuazione della data di decorrenza del termine di conservazione dei dati relativi a inadempimenti non regolarizzati.

Infatti, se, da un lato, si vuole evitare che il termine di trentasei mesi dalla prevista cessazione degli effetti del rapporto contrattuale comporti automaticamente la cancellazione di informazioni relative a inadempimenti non (ancora) regolarizzati, dall'altro la genericità del testo che, a tal fine, considera rilevanti una pluralità di accadimenti (leggasi reiterate segnalazioni) rischia di rendere difficilmente determinabile ex ante il momento in cui i dati personali verranno cancellati, con conseguente incertezza per gli interessati e per gli operatori del settore.

Alla luce delle numerose istanze (reclami, richieste di parere e ricorsi) pervenute nel tempo, l'Autorità per la protezione dei dati personali ha deciso si fornire, con il provvedimento interpretativo 438/2017, in ossequio ai principi generali stabiliti in materia di trattamento dei dati personali, chiarimenti e indicazioni di carattere generale su talune disposizioni particolarmente controverse del codice di deontologia e di buona condotta per i sistemi informativi gestiti da soggetti privati in tema di crediti al consumo, affidabilità e puntualità nei pagamenti, stabilendo congruo ritenere che il termine massimo di conservazione dei dati relativi a inadempimenti non successivamente regolarizzati (fermo restando il termine di riferimento di 36 mesi dalla scadenza contrattuale o dalla cessazione del rapporto), non possa comunque mai superare i cinque anni dalla data di scadenza del rapporto, quale risulta dal contratto di finanziamento.

Per affermare il proprio diritto alla cancellazione della posizione aggiornata dalla banca creditrice nella Centrale Rischi degli Intermediari Finanziari (CRIF) e che perdura da più di cinque anni, in seguito alla persistente segnalazione della medesima posizione debitoria, può presentare ricorso online all'Arbitro Bancario Finanziario (ABF) seguendo le istruzioni riportate qui.

Condizione necessaria per presentare ricorso all'ABF è, tuttavia, come avrà modo di leggere, l'avere inoltrato un reclamo scritto, via raccomandata AR, alla banca creditrice, lamentando, sostanzialmente, la persistente segnalazione nella CRIF ormai ultraquinquennale, in dispregio alle direttive dell'Autorità per la protezione dei dati personali fissate nel provvedimento interpretativo 438/2017 e chiedendo di desistere da ulteriori segnalazioni e di impartire istruzioni al gestore CRIF per cancellare la posizione censita a partire dal quinto anno di permanenza in archivio.

Decorsi 30 giorni dalla data in cui il reclamo perverrà al destinatario, in caso di silenzio o di risposta non soddisfacente, potrà rivolgersi direttamente all'ABF, previo versamento di 20 euro (contributo per le spese di procedura) che le saranno restituiti in caso di accoglimento del ricorso.

Non è richiesta assistenza tecnico legale, la procedura è assai semplice e si sostanzia nel riportare all'Arbitro quanto già contestato alla controparte in sede di reclamo.

3 maggio 2019 · Ornella De Bellis

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

   Seguici su Facebook

Altre discussioni simili nel forum

centrale rischi CRIF
segnalazione centrale rischi

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?

Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Altre Info

Cerca