Sequestro giudiziario nella lesione di legittima

Il de cuius, per testamento lascia alcuni legati, tra cui una casa di alto valore ad una nipote, in cui ci vive con il figlio minore, e altri beni di modico valore ad altri nipoti ed al figlio. Il figlio agisce con azione di riduzione nei confronti della nipote perché pensa di essere stato leso nella sua quota di legittima. Può chiedere ed ottenere il sequestro giudiziario della casa lasciata come legato in cui vive la nipote con il figlio?

Il legittimario leso è ampiamente garantito, per quanto riguarda l’eventuale restituzione del bene immobile lasciato al legatario dal de cuius – a cui avrebbe diritto, in caso di esito favorevole della vicenda giudiziaria – dalla trascrizione, nei Pubblici Registri Immobiliari, dell’azione legale di riduzione gravante sull’immobile.

Il terzo che acquistasse il bene immobile oggetto di contenzioso ereditario dopo la data di trascrizione, si accollerebbe il rischio consapevole dell’obbligo di restituzione e non potrebbe accampare il possesso in buona fede di cui all’articolo 1147 del codice civile.

10 Febbraio 2021 · Rosaria Proietti

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Lesione della quota di legittima - Come si calcola il conguaglio spettante al legittimario leso
Nel procedimento per la reintegrazione della quota di eredita riservata al legittimario, si deve aver riguardo al momento della apertura della successione per calcolare il valore dell'asse ereditario mediante la cosiddetta riunione fittizia, stabilire l'esistenza e l'entità della lesione di legittima nonché determinare il valore dell'integrazione spettante al legittimario leso. Peraltro, qualora tale integrazione venga effettuata mediante compenso in danaro nonostante l'esistenza, nell'asse, di beni in natura, essa deve essere adeguata al mutato valore, al momento della decisione giudiziale, del bene a cui il legittimario avrebbe diritto, affinché ne costituisca l'esatto equivalente. Questo principio non significa che la parte assegnataria ...

Debito abnorme con il fisco - Testamento del coniuge non debitore e pericolo di azione del creditore per lesione della legittima
Storia lunga che cercherò sintetizzare: socio di una srl (in realtà fiduciario di un vecchio amico) al 70%, sono stato accusato di aver ricevuto una sostanziosa parte di utili non contabilizzati per un ammontare totale comprese sanzioni di 10 milioni e 45 mila euro (venti miliardi delle vecchie lire). I ricorsi sono stati prima vittoriosi, ma poi da ultimo in Cassazione sono risultato soccombente. Sono sposato in separazione di beni (io sono nullatenete e godo solo di una pensione ex INPDAP). In una ipotesi sciagurata di premorienza di mia moglie (che ha alcuni immobili provenienti dalla sua famiglia ormai tutti ...

Azione di riduzione per lesione della quota di legittima dell'eredità - eredità disponibile, eredità relitta e donatum
A tutela dell'interesse generale alla solidarietà familiare, l'ordinamento giuridico prevede che i più stretti congiunti del de cuius hanno il diritto di ottenere, anche contro la volontà del defunto e in contrasto con gli atti di disposizioni dallo stesso posti in essere, una quota di valore del patrimonio ereditario e dei beni donati in vita dal defunto stesso (diritto di legittima o di riserva). La legge configura così una successione necessaria, in forza della quale le disposizione del defunto lesive della quota di legittima, pur non essendo invalide, sono tuttavia soggette a riduzione, sono cioè suscettibili, su domanda del legittimario ...

Dove mi trovo?