Sei correntista Intesa Sanpaolo? – Occhio all’sms che ti svuota il conto

Qualche settimana fa mi è arrivato uno strano sms, insolito, dal mio istituto di Credito, Intesa Sanpaolo, dove mi veniva chiesto di accedere per delle problematiche legate al conto corrente.

Mi sono insospettito e ho cestinato il messaggio.

Si tratta di una truffa?

I truffatori si fingono operatori di Intesa SanPaolo e mandano un sms per svuotare il conto corrente delle vittime: gli attacchi hacker e le attività di phishing continuano ad aumentare.

I tentativi di attacco, infatti, stanno aumentando anche nell’industria bancaria e nel mondo delle prepagate. Si parla principalmente di phishing, con email o messaggi falsi, che hanno lo scopo di sottrarre dati e principalmente rubare denaro.

Le truffe sono ormai all’ordine del giorno. Questa volta gli hacker hanno preso di mira i clienti di Intesa SanPaolo.

Il sistema è sempre quello: l’invio di messaggio-truffa che sfrutta il nome di un azienda famosa e fidata per sottrarre soldi e dati alle vittime. Queste truffe si chiamano “smishing”, ovvero phishing attraverso sms. Come per le email, gli hacker inviano un sms, che sembra ufficiale, solo per svuotare il loro conto corrente.

A causa di questa situazione, la banca piemontese ha avuto molti problemi. Fortunatamente, la truffa è stata smascherata nel giro di poco tempo.

La vittima riceve un messaggio a nome di Intesa SanPaolo. Il messaggio ha tutto l’aspetto di una comunicazione ufficiale: Gentile cliente, abbiamo rilevato un accesso anomalo al suo conto. Accedi al seguente link per la convalida.

Attraverso il messaggio, il cliente della banca viene informato di un movimento anomalo sul proprio conto e viene invitato a controllare cliccando su un link.

Cliccando sul link, la vittima inserisce i suoi dati.

Dopo l’inserimento, si viene contattati tramite telefonata da un finto operatore. La chiama avviene sia tramite numero fisso con prefisso 011, il prefisso di Torino dove si trova la banca, che tramite numero cellulare.

Il truffatore invita poi la vittima a effettuare un bonifico su un conto corrente da lui indicato per poter risolvere la questione.

Da qui, la chiamata si interrompe e la vittima perde tutti i suoi soldi.

La Banca Intesa SanPaolo sta cercando in tutti i modi di tutelarsi.

Le cifre sottratte, comunica l’associazione, sono arrivate anche a 12 mila euro.

L’azienda ha già avvertito i propri clienti e li sta mettendo in guardia, per evitare situazioni simili in futuro.

Banca Intesa sta anche presentando denuncia alla Polizia Postale. Quest’ultima, invece, invita le vittime a rivolgersi ad un’associazione di tutela dei consumatori. Fare denuncia è importante perché serve a comunicare il disconoscimento dei movimenti alla banca.

Come difendersi dal phishing
Se hai ricevuto il messaggio, cancellalo subito.

È fondamentale diffidare da mail, SMS, chat o call center che richiedono dati. Qualsiasi tentativo che non proviene da un account ufficiale deve essere considerato una truffa.

L’azienda ricorda, poi, che non bisogna mai cliccare su link sospetti senza prima controllare l’attendibilità del messaggio. È importante controllare che si tratti di un numero o un indirizzo ufficiale.

Se vuoi riconoscere i messaggi truffa, presta particolare attenzione a:

  • mittente: le truffe non utilizzano mai numeri ufficiali;
  • errori grammaticali spesso i messaggi falsi contengono errori di punteggiatura o ortografia;
  • link: tutti i messaggi-truffa presentano un link. Non cliccarci mai;
  • pagina web: quando inseriamo i nostri dati su una pagina web, dobbiamo sempre assicurarci che si tratti di una pagina protetta e ufficiale.

20 Febbraio 2021 · Andrea Ricciardi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Truffe via PEC - Arriva l'allarme dell'agenzia delle entrate
L'altro giorno, ho ricevuto una strana comunicazione PEC con mittente Agenzia delle entrate: nella missiva mi veniva chiesto di inserire alcuni dati sensibili. Insospettito, ho cestinato l'email evitando di rispondere. Si tratta di una truffa? ...

Buoni Conad gratuiti su Whatsapp? - Fate attenzione alla truffa
Mi è arrivato su Whatsapp una sorta di messaggio, proveniente dallo staff Conad, che mi proponeva, in cambio della compilazione di un questionario feedback, un buono gratuito di 150 euro per la spesa da utilizzare nei punti vendita. Insospettito, però, ho cestinato il messaggio. Si tratta di una frode? ...

Posta elettronica certificata (Pec) - Arriva la truffa che ti svuota il conto
Qualche settimana fa mi è arrivata un email tramite PEC dalla mia banca, in cui mi si chiedeva di cambiare le credenziali di accesso: in men che non si dica mi è stato svuotato il conto corrente. Ho contattato l'istituto di credito il quale mi ha spiegato che sono incappati nella stessa truffa migliaia di altre persone. Cosa sta succedendo? Riavrò i miei soldi? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Sei correntista Intesa Sanpaolo? – Occhio all’sms che ti svuota il conto