Seconda casa: consumi bassi e bollette gonfiate – Come mai?


Ho una seconda casa al mare nei pressi del litorale romano, che utilizzo pochissimo: eppure, i costi della bolletta del gas sono sempre spropositati.

Come mai?

La bolletta elettrica per la seconda casa può raggiungere costi esorbitanti, ma il motivo non è legato ai consumi effettivi: la bolletta elettrica e del gas, infatti, è composta da una serie di voci e non è facile per i consumatori interpretarle: per questi gli esperti della nostra associazione sono a disposizione dei consumatori per fornire assistenza attraverso il nostro sportello Energia.

Cerchiamo intanto di fare chiarezza sul perché la bolletta per la seconda casa ha costi maggiori.

Nella nostra bolletta paghiamo:

  • voci non direttamente connesse al bene (l’elettricità) che stiamo consumando ma anche ai vari servizi (trasmissione, dispacciamento, distribuzione, ecc ecc) che ci consentono che questa arrivi fin nelle nostre case,
  • una lunga serie di oneri parafiscali, i famigerati oneri generali di sistema che servono a finanziare delle vere e proprie politiche industriali non tutte direttamente connesse al sistema elettrico, e quindi, dal nostro punto di vista, da spostare sulla fiscalità generale,
  • diverse voci slegate dal consumo (cioè dai kilowattora effettivamente consumati) e che vengono pagate mensilmente in quota fissa o sulla base del tipo di utenza attiva e delle caratteristiche tecniche della fornitura (come, ad esempio, la potenza impegnata),
  • altre voci assolutamente indipendenti dal servizio elettrico come il canone RAI.

A complicare ulteriormente questo quadro è intervenuta negli scorsi anni la riforma della tariffa elettrica che ha eliminato la progressività nell’applicazione delle componenti tariffarie.

Questo da un lato ha introdotto un principio di equità, visto che con la nuova articolazione tariffaria il costo al kilowattora è slegato dai consumi e, quindi, da un lato non sono più presenti i sussidi incrociati tra consumatori e, dall’altro, è diventato più conveniente l’utilizzo di sistemi elettrici più efficienti e meno inquinanti.

Purtroppo la riforma risulta svantaggiosa per le utenze non residenti (cioè le seconde case per le vacanze ad esempio) a causa dell’applicazione, in quota fissa annuale indipendente dal consumo, di alcune voci che compongono la bolletta.

Questo vale in particolare per quanto riguarda gli oneri generali di sistema che, infatti se per le utenze domestiche residenti (cioè le prime case in cui abbiamo la residenza anagrafica) è applicata in quota energia, cioè calcolata in euro al kilowattora in base ai consumi effettivi del cliente, per le utenze domestiche non residenti è invece applicata anche in quota fissa, questo significa che le utenze non residenti oltre a pagare sulla base dei consumi (che però dovrebbero essere minimi essendo una seconda casa) per coprire il costo degli oneri generali di sistema pagano anche una, importante, quota fissa che arriva a circa 135 euro all’anno e che si pagherà sempre, sia che si consumi elettricità sia che non la si consumi.

Questo è il principale motivo per cui le bollette delle seconde case possono risultarci così alte!

E’ importante ricordare alcune informazioni utili:

  • sulle utenze delle seconde case, essendo relative a contratti da non residente, non si deve pagare il canone RAI, che invece viene pagato sulle utenze residenti,
  • questi costi non dipendono né dal venditore, né dal tipo di mercato (di maggior tutela o libero) perché sono importi che vengono versati nelle casse dello Stato: non fidatevi quindi di quei venditori che, per spingervi a sottoscrivere un contratto con loro, vi dicono che questi costi non sono presenti nelle loro offerte, non è così!

Se la seconda casa è frequentata soltanto il alcuni mesi dell’anno o comunque per poco tempo, è buona prassi staccare l’interruttore generale di energia elettrica: non sarà un grosso risparmio ma è già qualcosa!

25 Febbraio 2021 · Giovanni Napoletano

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: , ,


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 165 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose » Seconda casa: consumi bassi e bollette gonfiate – Come mai?. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.