Immobile e conto corrente detenuti all’estero – Obblighi fiscali


Argomenti correlati:

A breve andrò in Danimarca perché vi fruirò di una parte dell’eredità di un nostro parente, rispettivamente un monolocale (probabilmente di valore maggiore di 30 mila euro) e un conto bancario sopra i 5000 euro: Intendo andare e abitarvi per circa due anni, in quanto vorrei anche seguire dei corsi professionali. Vi domando se in questi due anni avrò l’obbligo di dichiarare al Fisco Italiano il possesso di questi beni e se dovrò pagare alcune tasse.

Le converrà sicuramente chiedere la residenza nel comune dove è ubicato l’immobile e iscriversi all’Anagrafe degli Italiani Residenti all’Estero (AIRE): in questo modo non sarà soggetto all’IVIE (Imposta sul valore degli immobili situati all’estero) e non dovrà dichiarare l’immobile ai fini fiscali.

Fino a quando il conto corrente detenuto in Danimarca non supererà la soglia di 15 mila euro di saldo, non sarà dovuta la IVAFE (Imposta sul Valore delle Attività Finanziarie detenute all’Estero) in misura proporzionale, ma pagherà un’imposta fissa di 34,20 euro per un saldo (anche registrato per un solo giorno) oltre la soglia di cinquemila euro: tuttavia il conto corrente detenuto all’estero dovrà essere censito nella Dichiarazione annuale dei redditi (quadro RW).

8 Giugno 2022 · Giorgio Valli



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Immobile e conto corrente detenuti all’estero – Obblighi fiscali