Scrittura privata di assegnazione della casa familiare in seguito a separazione legale

Intendo fare una scrittura privata (autenticata?) che mi assicuri la casa assegnata con figli (dopo separazione) fino alla vendita della medesima. Sono proprietaria al 50% della casa.

Permetterò a mio marito di usufruire di alcuni spazi della casa per il beneficio dei figli e del legame con il padre. Siccome ho motivi di non avere fiducia nelle azioni di mio marito, vorrei garantire di non perdere l’assegnazione della casa durante un lavoro stagionale a centinaia di chilometri da casa.
Oltre a questo dovremo fissare che riceverò il 70% del ricavo dalla vendita della proprietà (per equiparare che mio marito riceve la pensione e io no per 17 anni di dedizione alla famiglia eccetera).

Come dovrebbe essere il testo di tale scrittura e che tipo di scrittura è la più sicura?

A nostro sommesso avviso la strada migliore da seguire è la separazione consensuale da presentare e far omologare in tribunale: basta un solo avvocato per entrambi i coniugi e la spesa, se non ci sono questioni conflittuali, è modesta. Il professionista potrebbe essere il medesimo che curerà gli aspetti legali della separazione.

Nell’accordo potranno essere incluse le clausole finalizzate a regolare l’assetto patrimoniale dei beni familiari dopo la separazione. E non solo.

Ad esempio, l’affidamento dei figli minori (se ve ne sono) nei periodi in cui lei risulterà assente per gli impegni di lavoro stagionali, e il diritto d’uso per la casa coniugale acquistata in comproprietà: non è consigliabile chiedere l’assegnazione del diritto di abitazione per il quale suo marito potrebbe ottenere la revoca giudiziale nel corso di una eventuale prolungata assenza (anche per motivi di lavoro).

Potrà essere previsto il divieto di alienazione della quota di proprietà disgiunta (per evitare che suo marito venda autonomamente il proprio 50% dell’appartamento), l’accordo di ripartizione del ricavato (70% alla moglie e 30% al marito) e il diritto d’uso dovrà avere un termine coincidente con il periodo massimo fissato per la vendita dell’immobile (onde evitare che una delle parti dilazioni i tempi per esclusivo proprio interesse).

Anche la scrittura privata se autenticata da un notaio, comunque, offre le medesime garanzie di un accordo di separazione consensuale omologato dal tribunale, ma solo limitatamente agli aspetti patrimoniali dei beni comuni della coppia. Entrambi gli atti costituiscono titolo esecutivo da far valere qualora suo marito, come lei teme, intendesse fare il furbo.

In pratica, ad esempio, potrebbe utilizzare l’accordo di separazione omologato o la scrittura privata autenticata, per pignorare la pensione al coniuge, in caso di inadempimento nel corrisponderle il 70% della vendita di un bene di cui è comproprietario al 50% (posto che l’acquirente sarebbe garantito solo con un accredito del 50% del prezzo pattuito sul conto corrente di ciascuno dei due comproprietari -e lei potrebbe dire addio al 20% in più che pretende).

L’accordo consensuale di separazione potrà comprendere aspetti giuridici diversi da quelli strettamente patrimoniali (ad esempio l’affidamento dei figli minori, se ve ne sono oppure un la quantificazione di un assegno di mantenimento per loro o per i figli maggiorenni non ancora economicamente autosufficienti).

Come la si metta, quindi, non c’è scampo: per fare le cose per bene, ed evitare pasticci, i coniugi dovranno necessariamente rivolgervi ad un professionista, sia esso un notaio o un avvocato, mettendo in conto il riconoscimento di una parcella: il testo dell’atto dipenderà dall’analisi approfondita delle reciproche esigenze, volontà e garanzie di rispetto dei patti sottoscritti, che dovranno essere esposte in modo molto più dettagliato e completo di quanto si possa fare in un forum.

3 Aprile 2020 · Marzia Ciunfrini

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Spunti di discussione dal forum

Dove mi trovo?