Sanare una posizione debitoria in sofferenza censita presso la Centrale Rischi (CR) della Banca d’Italia

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!



Argomenti correlati:

Sono stato segnalato in CR nove anni fa ed in virtù della mia noncuranza ed assenza di solleciti la situazione è stata pressoché dormiente per tutto questo tempo, probabilmente in virtù del debito esiguo di euro 2460. Della cifra appena esposta, sono passati in crediti passati a perdita € 2070. In dettaglio, fui segnalato la prima volta nove anni fa – e soltanto per tre mesi (settembre – novembre) – dall’intermediario che mi concedette il credito. Lo stesso intermediario ha quindi poi ceduto il credito ad una società di factoring che ha ripreso a segnalarmi dal 2017 fino ad oggi. Da novembre 2012 a Marzo 2017, da CR storica non riscontro nessuna segnalazione. Ho esposto la cronistoria per farvi avere un quadro che fosse più chiaro possibile.

La mia necessità è quella di sanare e ristorare la mia posizione nella modalità più rapida possibile, le mie riflessioni:

– potrei pagare l’intero importo, ma gli intermediari potrebbero consultare uno storico di 36 mesi;
– potrei proporre un saldo e stralcio, ma non credo che mi convenga perché la parte stralciata rimarrebbe iscritta fra le perdite e comunque sempre visibile per 36 mesi.

Gentilmente, vi pongo i miei quesiti:
– il primo e più ovvio: come mi suggerireste di operare?
-potrei maturare un qualche diritto al termine dei cinque annidi iscrizione continuativa da parte della società di factoring senza che la stessa mi abbia mai intimato di pagare? (leggevo sul sito del Garante della Privacy: In ossequio ai principi generali stabiliti in materia di trattamento dei dati personali (articolo 11 del Codice), appare congruo ritenere che il termine massimo di conservazione dei dati relativi a inadempimenti non successivamente regolarizzati −fermo restando il termine normale di riferimento di 36 mesi dalla scadenza contrattuale o dalla cessazione del rapporto di cui all´articolo 6, comma 5, del “codice deontologico −, non possa comunque mai superare − all´eventuale verificarsi delle altre ipotesi previste dal citato articolo 6, comma 5 − i cinque anni dalla data di scadenza del rapporto, quale risulta dal contratto di finanziamento (credo che tale disposizione abbia a che fare con la tutela dei Dati Personali e non con la perdita del diritto ad iscrivere in CR, quello rimane sempre vivo, salvo il decorrere del tempo di Prescrizione).
– la società di factoring ha perso il diritto di riscossione sui crediti passati a perdita? O potrebbe avanzare il diritto in qualsiasi momento?
– c’è qualche suggerimento che vorreste darmi per sanare la mia posizione più rapidamente alla luce del quadro esposto?

La risposta al (lungo) quesito è assai semplice: bisogna versare al creditore avente diritto (quello originario o il cessionario) l’intero importo a debito di euro 2640 (al netto di eventuali interessi moratori pretesi dal creditore), e poi attendere il decorso di 36 mesi per vedere scomparire la posizione censita anche dallo storico: non esiste un metodo più rapido per sanare la posizione debitoria in sofferenza censita nella Centrale Rischi Bankitalia – dopo la regolarizzazione del debito, si deve sostare in purgatorio par tre anni, durante i quali gli operatori (i funzionari degli Istituti di credito preposti alla valutazione del merito creditizio del richiedente il prestito) potranno visualizzare l’evoluzione storica dell’avvenuto rimborso.

Qualora si raggiungesse con il creditore un accordo transattivo a saldo stralcio, bisogna ottenere la dichiarazione di rinuncia del creditore alla differenza fra importo originario a debito (2640 euro) ed importo transato ex articolo 1236 del codice civile. Altrimenti, se lo sconto superasse i 250 euro, la segnalazione a sofferenza continuerà ad essere rinnovata mensilmente.

Inutile richiamare i provvedimenti del Garante per la tutela dei dati personali: il Codice Deontologico non si applica alla Centrale Rischi pubblica della Banca d’Italia, ma solo ai Sistemi di Informazione Creditizia (SIC) privati, quali Centrale Rischi di Intermediazione Finanziaria (CRIF), Consorzio di Tutela del Credito (CTC), Experian, Cerved, Assilea e simili.

La prescrizione del diritto di esigere il rimborso del credito vantato interviene dopo dieci anni, salvo eventuali comunicazioni interruttive dei termini di prescrizione notificate, anche per compiuta giacenza, al debitore con raccomandata AR.

Riepilogando: si viene censiti nella Centrale Rischi (CR) gestita dalla Banca d’Italia quando il credito non rimborsato, erogato da una banca o da una finanziaria, vigilata dal nostro Istituto Centrale di Vigilanza (che un tempo fu anche di emissione) viene classificato a sofferenza (un credito è a sofferenza quando il creditore – in modo autonomo, insindacabile ed unilaterale, in base a propri criteri di valutazione, ritiene che il debitore non sia più in grado di rimborsare il dovuto) e di importo non inferiore a 250 euro.

La banca o la finanziaria creditrice non è più obbligata a segnalare mensilmente alla CR il debitore inadempiente solo quando:

– il debito risulta completamente estinto oppure l’indebitamento complessivo è sceso sotto la soglia di rilevazione per i crediti classificati a sofferenza, soglia che come abbiamo già accennato è pari a 250 euro;

– il credito in sofferenza viene ceduto ad una società specializzata nella gestione di crediti cosiddetti “deteriorati” o Non Performing Loans (NPL). Ciò comporta l’appostazione a perdita nel bilancio della creditrice cedente della differenza fra l’importo originario del credito erogato e l’importo pagato dalla cessionaria per acquisire il credito stesso (Perdita da cessione).

In caso di cessione, quindi, la cessionaria continuerà a segnalare il credito a sofferenza che comparirà nella sezione SOFFERENZE del prospetto presente in Centrale Rischi. Nella sezione INFORMATIVA dello stesso prospetto, invece, sarà riportato uno storico che riassume informazioni relative della posizione ceduta: in pratica la perdita da cessione accusata dall’intermediario (banca o finanziaria) cedente.

Se nella sezione informativa è presente un solo record della categoria “Sofferenze – crediti passati a perdita” la differenza fra l’importo indicato a sofferenza e la perdita da cessione accusata dal cedente rappresenta il costo di acquisto del credito.

Naturalmente, l’importo che il debitore inadempiente è obbligato versare al creditore per ottenere la cancellazione della segnalazione nella Centrale Rischi della Banca d’Italia resta quello effettivamente non rimborsato (salvo il perfezionamento di un accordo transattivo a saldo stralcio fra le parti) risultando completamente irrilevante per il debitore il prezzo eventuale di cessione del credito insoddisfatto.

5 Dicembre 2021 · Ornella De Bellis



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Sanare una posizione debitoria in sofferenza censita presso la Centrale Rischi (CR) della Banca d’Italia





Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!