Saldo e stralcio – Fideiussori – Banca Ifis


Io (lavoratore a tempo indeterminato) e mio padre (pensionato proprietario di immobile) siamo fideiussori del mutuo di mio fratello che, non avendo pagato le rate, ha subito il pignoramento dell’immobile (valore pignoramento 159 mila euro), venduto all’asta per 115 mila euro: ad oggi tale somma è stata versata dall’acquirente, ma non ancora incassata dalla banca e nelle more dell’incasso, Banca Ifis ha notificato a mio padre un precetto di € 159 mila euro, quindi dello stesso importo del pignoramento, anziché agire per il residuo al netto della vendita.

Posto che quanto richiesto in precetto è corretto, vorremmo formulare una richiesta di saldo e stralcio, a liberazione dei fideiussori, tenendo conto di quanto recuperato con la vendita dell’immobile, al netto del quale residuerebbero da pagare circa 60/65.000 €. Pertanto vorremmo proporre il pagamento della somma di 35.000€ in un unica soluzione.
A vs parere, una chiusura in tal senso è fattibile oppure Ifis preferirà agire per il recupero dell’intero?

Come già ipotizzato nel testo del quesito, il precetto è stato notificato ai fideiussori per l’importo accertato dovuto dal debitore principale. non avendo il creditore procedente ancora vistosi assegnati (al momento della notifica del precetto) dal giudice il ricavato dell’alienazione coattiva dell’immobile di proprietà del debitore. Va da sé che il credito azionato nei confronti dei fideiussori deve intendersi pari a circa 60/65 mila euro considerando che dal ricavato della vendita coattiva devono essere defalcate le spese di procedura nonché quelle legali e di natura tecnico peritale sostenute dalla controparte.

Ora, Banca IFIS opera in un settore nel quali gli istituti bancari preferiscono non entrare direttamente, per i costi ed i tempi necessari al recupero dei crediti, ed è sicuramente attrezzata per ottenere cospicui sconti (anticipazioni) sulle azioni esecutive condotte a termine.

Nel caso specifico entrambi i fideiussori sono ampiamente ed agevolmente escutibili: il primo attraverso il pignoramento dello stipendio presso il datore di lavoro ed il secondo attraverso il pignoramento della pensione presso l’INPS e/o l’espropriazione immobiliare.

Non siamo al corrente se, attualmente, Banca IFIS abbia impellente necessità (o abbia adottato la strategia) di liquidare le operazioni di recupero portate a termine, nè, nell’ipotesi, conosciamo il costo di tali operazioni di monetizzazione immediata (anticipazione).

Questo per dire che la proposta di composizione a saldo stralcio dei fideiussori andrà a buon fine se, e solo se, Banca IFIS avrà interesse a monetizzare immediatamente i piani di dilazione da pignoramento delle retribuzioni percepite dai fideiussori che il giudice accorderà sicuramente al creditore procedente e, se, nello stesso tempo, il costo offerto dal mercato per tale anticipazione risulterà maggiore rispetto alla decurtazione della debenza proposta con l’accordo a saldo stralcio.

20 Luglio 2022 · Ludmilla Karadzic



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Saldo e stralcio – Fideiussori – Banca Ifis