Complicato accordo a saldo e stralcio del debito accumulato con la banca dopo licenziamento del debitore

Sono stato licenziato ormai da 18 mesi dalla ditta che doveva il quinto del mio stipendio per un pignoramento presso terzi. Ho contattato l’ufficio addetto della banca creditrice e fatto una proposta di saldo e stralcio con quello che mi resta del TFR, non avendo altre somme di denaro. Ma non è bastato. Non lavoro ormai da 18 mesi e non so se ne troverò un lavoro stabile. A chi posso rivolgermi per fare una proposta più incisiva e non fatta da me (non potendo permettermi un avvocato) per chiudere il debito e non avere la mannaia del pignoramento sempre sulla testa?

Se ritiene di non essere in grado di condurre da solo una trattativa per raggiungere un accordo transattivo a saldo stralcio con il creditore, di aver bisogno dell’assistenza tecnica di un professionista e di non avere disponibilità economica sufficiente per potersene avvalere, può cercare di individuare un’associazione sindacale o a difesa dei consumatori, preferibilmente presente sul territorio in cui risiede. Ma potrebbe anche interagire, attraverso i canali social, e-mail e telefono con tale organismo, una volta individuatolo sul web.

In aggiunta, va segnalato che i funzionari della banca creditrice difficilmente sono autorizzati a perfezionare accordi a saldo stralcio con il debitore: una situazione più favorevole si potrà creare nel momento in cui l’istituto di credito (una volta appurato che il debitore ha perdo il lavoro e non dispone di immobili) decidesse di appostare a perdita la posizione debitoria cedendola ad una società specializzata nel recupero di crediti deteriorati (NPL). In quella occasione, a mio modesto avviso, potrà tentare, con maggiore successo e senza supporto altrui, di spuntare un accordo transattivo con estinzione del debito a fronte del versamento di un importo scontato in unica soluzione rispetto al capitale ed agli interessi nominalmente dovuti.

13 Novembre 2020 · Ludmilla Karadzic

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Rifiuto della banca per un accordo transattivo a saldo stralcio del debito ed espropriazione della casa di proprietà
Dal 2010 ho in essere un contenzioso con la banca: avevo un debito di 11 mila euro e mi han fatto decreto ingiuntivo e pignoramento. Ho raggiunto un accordo per le rate ma la banca è andata avanti lo stesso fregandosene dei miei versamenti. Di fatto mi ritrovo tra interessi e spese a dover restituire ancora 8 mila euro nonostante ne abbia versati 7 mila. Il creditore ha chiesto la riscossione coattiva tramite pignoramento della casa di proprietà. Mi sono affidato ad una avvocato e dopo un anno di proposte di stralcio, non ho mai ricevuto una risposta, mai una. ...

Proposta di saldo a stralcio - Che riduzione proporre sul debito iniziale?
Ho un debito con una finanziaria da 3 anni pari a 9400 euro: dopo molto tempo che non si erano fatti sentire e mi hanno chiesto se voglio uscire da questo tunnel. Devo fare una proposta di saldo a stralcio, ma sono in difficoltà non sapendo che cifra offrire su 9400 euro e come impostare la proposta. Se qualcuno mi può dare un consiglio, gliene sarò grato. ...

Proposta di saldo a stralcio avanzata dal debitore - Ho casa e stipendio e vorrei chiudere la posizione
Mi riferisco a questa discussione: sono 3 anni che mi inviano lettere perché pagassi il mio debito di 9400 euro e devo dire che sono stanco. Dal 2012 gli interessi di mora applicati su 200 euro di rata ogni mese ammontano a circa 85 euro. Ora la situazione patrimoniale è un mio appartamento dove grava un mutuo di 80.000 euro con ipoteca 140.000 euro. In più ho uno stipendio in azienda privata a tempo indeterminato. Questo è il mio patrimonio però ho deciso di chiedere un saldo a stralcio dopo 3 anni su 9400 euro quando posso offrire? Loro mi ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Complicato accordo a saldo e stralcio del debito accumulato con la banca dopo licenziamento del debitore