Quando può ipotizzarsi la rivalsa dello Stato su un amministratore di società?

Per quanto riguarda i prestiti garantiti dallo stato 90% vorrei sapere nel caso di una società srls se lo stato può rivalersi sui beni personali dell’amministratore nel caso l’azienda fallisse o non riuscisse a pagare. Premetto che l’azienda in questo caso non ha altri mutui, finanziamenti né fidi, pulita. La banca non ha richiesto firme personali. Ho letto della par condicio creditorium ma indica il problema se con quei soldi si estingue un mutuo chirografario, altro non ho trovato.

I problemi relativi a omessi versamenti di natura fiscale a carico della società o al mancato rimborso di prestiti erogati alla società e garantiti parzialmente o integralmente dallo Stato, nascono per l’amministratore esclusivamente quando viene dimostrato che invece di pagare le tasse dovute dalla società amministrata oppure le rate di rimborso concordate nel piano di ammortamento, l’amministratore favorisce la distribuzione di utili ai soci oppure privilegia il rimborso di crediti verso terzi creditori comunque riconducibili alla compagine sociale da lui amministrata, prima che intervenga la dichiarazione di fallimento.

Negli scenari appena tratteggiati, l’amministratore può essere chiamato a rispondere personalmente sia dal punto di vista penale, sia sotto l’aspetto di responsabilità civile con la condanna al risarcimento danni a favore dello Stato (oltre che a favore degli altri creditori danneggiati dalla sua condotta).

L’amministratore potrebbe essere chiamato a risarcire lo Stato con i propri beni personali anche nel caso in cui, avendo la società amministrata ricevuto prestiti statali o europei finalizzati al raggiungimento di particolari obiettivi, i fondi venissero destinati (distratti) a scopi diversi (malversazione ai danni dello Stato – articolo 316 bis del codice penale).

13 Gennaio 2021 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Quando l'amministratore della società può essere ritenuto responsabile di bancarotta fraudolenta
L'accensione di un ingente mutuo, al fine dichiarato del consolidamento di posizione debitoria nei confronti di due istituti di credito; il pagamento delle sole due prime rate del piano di ammortamento, nonostante la società avesse liquidità per farvi fronte; la custodia, assolutamente imprudente ed irragionevole di tali liquidità non già in banca, bensì nella cassaforte della sede sociale ed il successivo furto delle stesse ad opera di ignoti, possono essere ritenute integranti la nozione di operazioni dolose, caratterizzate da abusività degli elementari doveri inerenti alla qualità di amministratore. Tali dolose condotte possono essere ritenute, inoltre, causa del dissesto della società ...

Società cooperativa a responsabilità limitata - Chi risponde dei debiti e chi risulterà segnalato in centrale rischi se la società viene liquidata con crediti in sofferenza?
Faccio parte di un cda di 3 persone di una cooperativa di servizi a responsabilità limitata prossima alla liquidazione in quanto abbiamo perso due appalti e abbiamo debiti verso banche senza nessuna garanzia personale ma garantiti da consorzi di garanzia. Una di queste banche essendo arrivati alla 6.a rata non pagata ci ha comunicato che passeremo alla sofferenza e verremo segnalati anche noi tre come cattivi pagatori e non otterremo mai più finanziamenti personali e ci ha proposto di convertire il mutuo aziendale in mutui personali. Chiedo se la banca si sta comportando correttamente. ...

Pignoramento dello stipendio di un amministratore o di un socio lavoratore per crediti di natura alimentare e pignoramento delle quote di una società a responsabilità limitata (srl)
Supponiamo che io abbia avuto alle spalle un lungo periodo da imprenditore (ditta individuale): supponiamo anche che io voglia trasformare la mia ditta individuale in una SRL, dove io divengo l´amministratore unico titolare al 100% per poter aumentare il giro di affari. A questo punto, non avendo alcuna pendenza, debito o contenzioni, vorrei tutelare la mia quota di SRL e ovviamente gli utili dinanzi a (A) eventuali alimenti da matrimonio (Dovrei sposarsi il prossimo anno) (B) pignoramento di quote da privati, Agenzia delle Entrate Riscossione (ex Equitalia), o altri. 1) A me hanno detto che se io ho uno stipendio ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Quando può ipotizzarsi la rivalsa dello Stato su un amministratore di società?