Rischi di pignoramento per buonuscita e pensione a causa dei debiti accumulati da mia moglie?

Tra un anno sarò in pensione, ma purtroppo mia moglie (per necessita familiari ed essendo unica a poterli chiedere) ha contratto prestiti per circa 29 mila euro: tra un anno dicevo, sarò in pensione e per prima cosa vorrò chiedere tramite banca l’Anticipo Pensionistico della Buonuscita maturata dal 1982 al 1998, e poi chiedere un quinto sulla pensione per vedere di comprare un miniappartamento per me e mia moglie.

Volevo sapere (dato che la pensione di mia moglie è impignorabile per esiguità dell’importo, neppure 500 euro) come avverranno le trattenute che sicuramente pioveranno sulla mia pensione?

Percependo appunto una futura pensione di circa 1250 euri, sarà per me possibile riuscire a prendere ed eventualmente far volatilizzare l’Anticipo di Buonuscita ed il Quinto su Pensione e poi nel tempo pagare sula capienza residua disponibile per pignoramenti, la trattenuta che mi faranno ?

Loro (le finanziarie dei prestiti di mia moglie), non sanno nulla di me, se lavoro o se sono disoccupato, né tantomeno quando andrò in pensione: devo comunque aspettarmi che il giorno X siano già pronte con letterina di avvocato per il pignoramento?

I creditori della moglie, ammesso che i coniugi abbiano adottato un regime legale di comunione dei beni o che la moglie abbia accumulato debiti per esigenze esclusivamente familiari (e non per acquistare beni personali) possono aggredire la pensione o la buonuscita del marito non debitore, ma, nel secondo caso, la procedura non è immediata. E’ necessario un preventivo giudizio in cui il giudice accerti che i debiti della moglie erano stati contratti per esigenze della famiglia.

La cessione del quinto della pensione può essere richiesta prima o dopo il pignoramento: se avviene prima del pignoramento la rata massima per rimborsare il prestito entro un periodo non superiore a dieci anni (ma dipende anche dall’età del pensionato) è pari al 20% della pensione netta percepita (nella fattispecie 250 euro).

Se la cessione viene richiesta dopo il pignoramento, la rata massima verrà calcolata sul rateo al netto del prelievo fiscale e della trattenuta per pignoramento (nella fattispecie la rata massima di rimborso sarà pari a 200 euro, tenuto conto che la quota pignorata si attesterà intorno ai 250 euro).

Nel momento in cui il creditore decidesse di agire sul marito pensionato, avendone facoltà e diritto, una breve, per quanto banale, indagine patrimoniale porterà ad evidenziare che il debitore percepisce una pensione.

23 Febbraio 2021 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Può essere pignorata la pensione a moglie e marito se entrambi hanno debiti personali con un privato?
Marito percepisce 1200 euro di pensione, moglie percepisce 500 euro di pensione: entrambi hanno un debito con un privato, a entrambi può essere pignorata la pensione? Se sì come: a ciascuno viene chiesto il quinto, oppure essendo quella della moglie troppo bassa possono sommarle e pignorare sul totale? ...

Debiti con tre finanziarie per me e mia moglie - Pignorato il quinto di pensione e quello di indennità di disoccupazione il terzo creditore dovrà attendere?
Nel 2012 (io garante) e mia moglie abbiamo chiesto un prestito ad Agos Ducato di 35.000 mila euro da rimborsare in 15 anni, nel 2013 prestito a SANTANDER (io garante) di 25.000 euro sempre di durata decennale e prestito nel 2014 a FINDOMESTIC (mia moglie garante). Abbiamo sempre pagato/onorato puntualmente tutte le rate alle finanziarie fino alla fine del 2014. Dopodichè per motivi legati alla crisi della ditta dove lavora mia moglie non siamo più riusciti a onorare tutte le rate. Ho chiesto all'AGOS DUCATO tramite A/R se si poteva abbassare la rata prolungando i termini, AGOS DUCATO non mi ...

Pignoramento della pensione - Se non pago il mantenimento alla mia ex moglie e a mio figlio, quanto ammonterà il prelievo mensile?
Sono un disabile riconosciuto al 70%, la mia pensione da lavoro è di 2800 euro: purtroppo una serie di pareri giudiziari sfavorevoli avvenuti negli anni, mi inducono ad ipotizzare di non riconoscere più spontaneamente quello che oggi pago. In particolare: - 250 euro mensili alla mia ex moglie, - 700 euro mensili a mio figlio disabile (fino ad ora riconosciuti alla madre perché residente presso di lei), e di non riconoscere quello che Inoltre mi verrà chiesto a breve, di corrispondere - 500 euro mensili al Centro Residenziale dove verrà inserito mio figlio, - 20 mila euro circa, in quote ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Rischi di pignoramento per buonuscita e pensione a causa dei debiti accumulati da mia moglie?