Rinuncia eredità e prelievo dalla postepay del defunto – Configura accettazione tacita dell’eredità?

Argomenti correlati:

Mio padre è deceduto lasciando una postepay revolution, una percentuale sul terreno e dei debiti con Equitalia.

Tutti gli eredi faranno la rinuncia della eredità, ma un ragazzo (non erede) ha fatto un prelievo dopo la morte di mio padre (per sua stessa richiesta) senza essere ancora a conoscenza che era deceduto (per nostra svista vista la situazione), una cifra irrisoria, prelievo di 50 euro su 51 sulla carta.
Questo prelievo però può essere problematico per gli eredi che rinunciano?

Equitalia può impugnare il fatto per incastrare qualcuno con i debiti di mio padre? Dichiarando una accettazione tacita della eredità?

Meglio dichiararli questi soldi prelevati al momento della rinuncia?

Oppure meglio rimettere i soldi tramite un bonifico nella carta (non ancora bloccata)?
Il ragazzo, innocente al 100%, può incorrere a qualcosa?

Noi paghiamo di nostre tasche il 100% del funerale senza usare i soldi di mio padre, questo ci avvantaggia nella situazione per giustificare eventualmente i 50 euro? Grazie mille in anticipo.

Perchè un creditore possa eccepire accettazione tacita dell’eredità da parte del chiamato è necessario che il chiamato all’eredità compia un atto che presuppone necessariamente la sua volontà di accettare e che non avrebbe il diritto di fare se non nella qualità di erede. Così dispone l’articolo 476 del codice civile.

Ma è anche necessario che il chiamato venga identificato: una carta postepay il defunto potrebbe averla anche smarrita (insieme ai codici) quando era ancora in vita e il prelievo effettuato da terzi ignoti.

Se, invece, il soggetto è stato identificato al momento del prelievo e non è un chiamato, per gli altri chiamati non si pone il problema di accettazione tacita: al più il terzo che ha prelevato il denaro potrebbe essere denunciato per furto dagli eredi.

29 Gennaio 2020 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Successione e rinuncia eredità - La disposizione di un bonifico dal conto corrente del defunto può comportare accettazione tacita dell'eredità?
Mio padre è venuto a mancare il 3 gennaio in Francia: non abbiamo ancora potuto agire in nessuna maniera. Gli eredi sono io figlio e mia madre, che ha casa in comunione dei beni e conto cointestato. La banca in funzione del fatto che non ha avuto alcuna carta ufficiale italiana e per burocrazia risulta essere in lavorazione ha deciso d lasciare la possibilità di manovra a piacimento sul conto. Di recente mi dice mia madre ha disposto vari prelievi privati e bonifici tra cui a me. Io vorrei rinunciare all'eredita questo può pregiudicare qualcosa? ...

Guida di un veicolo di proprietà del de cuius da parte del chiamato convivente - Si configura accettazione tacita dell'eredità?
Può essere considerata accettazione tacita da parte di un coerede aver usufruito di un veicolo del cuius dopo la sua morte e con questo veicolo aver avuto un incidente? Mi spiego meglio, mio fratello, figlio convivente del cuius, dopo la morte di nostro padre ha usato la vettura di proprietà di nostro padre, guidando senza patente poiché revocata da anni ed in stato di ebbrezza causando un sinistro stradale nel quale a seguito dell'intervento del corpo di polizia municipale il suddetto veicolo è stato posto sotto sequestro amministrativo. Le domande che mi pongo appunto sono: questo atto può essere ...

Quando il pagamento di un debito del defunto configura accettazione tacita dell'eredità
In tema di successioni per causa di morte, un pagamento transattivo del debito del de cuius, ad opera del chiamato all'eredità, configura un'accettazione tacita dell'eredità, non potendosi transigere un debito ereditario se non da colui che agisce quale erede. Ma, lo stesso adempimento eseguito con denaro proprio, ed in epoca successiva alla rinuncia, non integra accettazione tacita dell'eredità e non rende inefficaci gli effetti della precedente rinuncia. La rinuncia all'eredità, infatti, può essere riconosciuta inefficace solo se, fra la data di decesso del de cuius e quella di sottoscrizione della rinuncia stessa, è possibile ascrivere al soggetto che rinuncia il ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Rinuncia eredità e prelievo dalla postepay del defunto – Configura accettazione tacita dell’eredità?