Rinuncia eredità e debito per morosità dei canoni di locazione di un alloggio comunale – Ma ci dicono che mia sorella, anche con la rinuncia, resterà obbligata





In caso di decesso dell’assegnatario di alloggio comunale, può subentrare il familiare convivente del defunto con accollo, però, delle morosità pregresse





Mia madre è deceduta lasciando un debito nei confronti dell’amministrazione comunale per canone di locazione e spese condominiali dell’abitazione comunale in cui risiedeva con mia sorella.

Io e mia sorella effettueremo la rinuncia a debiti e crediti (non ci sono altri fratelli/sorelle).

In comune ci hanno detto che nonostante la rinuncia, il debito lasciato da mia madre ricadrà comunque su mia sorella, che naturalmente ne era all’oscuro.

C’è modo di evitare di dover pagare questo debito non suo?

Probabilmente il fatto è che se sua sorella vuole conservare il diritto alla voltura del contratto di locazione intestato alla defunta non può rinunciare all’eredità.

11 Marzo 2019 · Ornella De Bellis

Ci hanno spiegato che mia sorella ha diritto al subentro diretto, indipendentemente dalla rinuncia all’eredità (che vorremmo effettuare).

Rimarrebbe però obbligata per il debito maturato dalla madre (cosa di cui però non era ovviamente consapevole). Di più: rimarrebbe obbligata anche se decidesse di rinunciare alla casa comunale.

C’è modo di impugnare questo addebito nei confronti di una figlia che, per quanto fosse parte del nucleo familiare assegnatario dell’abitazione, era ovviamente sotto la gestione della madre e all’oscuro di questo debito?

In genere, il regolamento di assegnazione di un alloggio di edilizia residenziale pubblica, prevede, in caso di decesso dell’assegnatario, la possibilità di voltura del contratto a nome dell’avente diritto (il coniuge superstite o in assenza i figli, comunque appartenenti al nucleo familiare dell’assegnatario prima del decesso). La voltura, tuttavia, comporta l’obbligo, a carico del subentrante, di adempiere, colmando eventuali morosità pregresse nel pagamento dei canoni di locazione.

Ove sua sorella rinunciasse all’eredità e contestualmente anche alla facoltà di continuare ad occupare, in qualità di assegnataria subentrante, l’alloggio popolare in cui viveva con la madre defunta, non vedo come possa essere obbligata a versare i canoni di locazione pendenti.

Bisognerebbe chiedere ai signori dell’ufficio comunale, che gestisce gli alloggi di edilizia residenziale pubblica, i riferimenti normativi (o contrattuali) in base ai quali si asserisce che, in ogni caso (rinuncia all’eredità ed alla voltura con conseguente abbandono dell’alloggio), sua sorella sarà obbligata a saldare i debiti della madre.

11 Marzo 2019 · Annapaola Ferri


Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con il tuo account Facebook

condividi su FB

    

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Se il post ti è sembrato interessante, condividilo con Whatsapp

condividi su Whatapp

    

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it




Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!




Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Cartelle esattoriali multe e tasse » Rinuncia eredità e debito per morosità dei canoni di locazione di un alloggio comunale – Ma ci dicono che mia sorella, anche con la rinuncia, resterà obbligata. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.