Rinuncia agli studi universitari – Sono obbligato a pagare i contributi non versati?

Se dopo un tot di anni non si effettua la rinuncia agli studi si incorre nella prescrizione e quindi non si incorre in pagamenti di eventuali tasse?
Se viene invece dichiarata la decadenza si deve pagare qualcosa?

Lo studente rinunciatario non ha diritto al rimborso dei contributi già versati e non è tenuto al pagamento dei contributi di cui fosse eventualmente in debito.

La decadenza d’ufficio è stata abrogata con il nuovo ordinamento (a partire dal 2000): precedentemente, lo studente fuori corso decadeva dalla qualità di studente se non sosteneva esami per otto anni accademici consecutivi. Attualmente, lo studente fuori corso che non rinuncia agli studi è tenuto a versare i contributi a debito, la cui prescrizione è quinquennale a decorrere dalla data limite entro la quale il contributo avrebbe dovuto essere versato.

15 Ottobre 2020 · Patrizio Oliva

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

No agli accertamenti fiscali per gli studenti-lavoratori » Ecco quando non vanno applicati gli studi di settore
Niente accertamenti fiscali per lo studente-lavoratore. In caso di accertamento basato sui parametri o sugli studi di settore, il contribuente può fare leva sul concomitante impegno universitario che ha sottratto tempo all'attività di lavoro autonomo. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 22949/14. Per chiarire la diatriba, cominciamo dicendo che, in base agli studi di settore, il fisco presume degli standard minimi di reddito da parte di determinate categorie di contribuenti. Ad esempio, per i professionisti, dichiarare un reddito inferiore allo standard, ovvero non essere congrui fa scattare il campanellino di allarme all'Agenzia delle Entrate, la ...

La rinuncia agli studi universitari comporta la restituzione dei benefici eventualmente fruiti negli anni precedenti?
La presentazione della domanda di rinuncia agli studi comporta l'obbligo di pagamento delle rate contributive già scadute relative all'anno accademico in corso (se effettuata dopo il 15 novembre dell'anno precedente). E' inoltre richiesto il saldo delle rate a debito, inclusi i contributi aggiuntivi dei pagamenti oltre i termini, relativi agli anni accademici precedenti. Naturalmente, con la rinuncia agli studi si decade da tutti i benefici riguardanti tasse e contributi (borsa di studio Er-Go, rateizzazione, eccetera). Tuttavia, l'accoglimento della domanda di rinuncia non comporta la restituzione dei benefici eventualmente fruiti negli anni precedenti. ...

Contributi INPS non versati dal defunto - Gli eredi devono pagare anche le sanzioni civili comminate al de cuius?
Mio suocero è deceduto un anno fa: oggi è arrivato un avviso di pagamento dall'inps a suo nome. dobbiamo pagarlo noi eredi? Se si, poiché siamo in disaccordo, possiamo fare in modo che l'inps mandi a ciascuno di noi la propria parte da pagare? ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Rinuncia agli studi universitari – Sono obbligato a pagare i contributi non versati?