Rinnovo cessione del quinto – L’assicurazione si è messa di traverso

Ho intenzione di rinnovare la cessione del quinto dello stipendio: la precedente è stata fatta 4 anni fa e ho un debito residuo di circa 9.500 euro più delega con debito residuo di circa 5000 euro. Ora la stessa banca con la quale ho entrambi i prestiti ha accettato di rinegoziarli entrambi e fare un unica cessione del quinto in 10 anni.

Circa 20000 euro quindi con una liquidità di 5500 euro. Il problema l’ha creato l’assicurazione, non ha accettato di assicurare la cessione per dieci anni ma al massimo per 6 anni. In questo modo ovviamente non possiamo rinnovare il prestito poiché la rata da pagare sarebbe troppo alta. Probabilmente l ha fatto perché ho già 59 anni e c’è la possibilità che fra sei anni sarò in pensione.

Ma non sarà vincolato a favore dell’ assicurazione il TFR? E poi mi pare di ricordare che la cessione del quinto, in caso di rinnovo, lo stesso non può essere inferiore a 120 mesi. È corretto? Può l’ assicurazione comportarsi in questo modo o la si può obbligare ad assicurare il prestito?

Bisognerebbe conoscere il complesso dei vincoli insistenti sul valore accantonato ad oggi del suo Trattamento di Fine Rapporto (TFR): è vero che il TFR può essere vincolato a favore della compagnia di assicurazione, che è costretta a rimborsare il cessionario (la banca) in caso di dimissioni volontarie del debitore (dimissioni che, in teoria, possono intervenire anche molto tempo prima prima del passaggio in pensione), ma lei accenna anche ad un prestito delega, erogato da un soggetto che potrebbe avere anch’egli vincolato il TFR. E dunque, potrebbe essere che nel TFR non ci sia capienza sufficiente per garantire la copertura del rischio collegato al rinnovo della cessione decennale del quinto.

L’assicurazione intende (liberamente) assumersi il rischio di omesso rimborso del prestito dietro cessione del quinto per un importo limitato (corrispondente ai primi 6 anni di ammortamento), mentre negli ultimi 4 il rischio di omesso rimborso graverebbe interamente sul creditore: ciò non viola in alcun modo l’obbligo di legge che prevede dieci anni di ammortamento in occasione del rinnovo di una cessione del quinto.

Conviene rivolgersi altrove, nella speranza che intermediario e compagnia di assicurazione siano più flessibili.

30 Maggio 2020 · Lilla De Angelis

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Rinnovo cessione del quinto con pignoramento in corso e in coda
Attualmente ho attiva una cessione del quinto e un pignoramento di natura ordinaria in corso sulla mia pensione. Vorrei rinnovare la cessione del quinto, mi domando in questa casistica avrò il benestare dell'inps, di cui sul sito leggo la mia quota cedibile (utilizzabile previa estinzione) avendo un pignoramento in corso e uno in coda? Con la cifra erogata non potrei estinguere entrambi (cessione e pignoramento). ...

Un parere sulla cessione del quinto - Rinnovo a 5 o a 10 anni?
Importo cessione quinto 11520 erogato 9260 5 anni rata 192 mensile: a giugno 2017 terminati i primi 2 anni avevo intenzione di rinnovarlo o mi conviene aspettare il 2018 in cui il debito residuo sarà più basso e quindi erogazione per differenza più alta, la cifra indicativa rinnovo a 5 anni 9600 e quella a 10 anni 16000 per questo anno, per il 2018 leggermente meno. ...

Rinnovo della cessione del quinto - Ottenere liquidità aggiuntiva per saldare vecchi debiti
Ho diversi sospesi con alcune finanziarie e quindi, di sicuro segnalato alla centrale dei rischi: la busta paga è gravata dalla cessione del quinto più prestito con delega. Per la cessione del quinto decennale il prossimo anno (2017) saranno quattro gli anni da me puntualmente saldati. La domanda è questa, potrei rinegoziare la cessione del quinto per saldare i debiti con le finanziarie oppure non mi sarà concesso nulla? Ed eventualmente dovessi avere il finanziamento, per il saldo con le varie finanziarie mi conviene trattarlo in privato oppure mettere tutto in mano a qualche avvocato? Nel caso di trattazione legale ...

Dove mi trovo?