Rigetto assegno sociale per mancanza di mantenimento attribuito in sede di separazione legale


L'assegno sociale è una prestazione economica, erogata a domanda, destinata ai cittadini italiani (e stranieri) in condizioni economiche disagiate

Chiedo per conto di mia nonna separata consensualmente con mio nonno senza mantenimento – sono entrambi in sede di divorzio nel quale verrà stabilito una quota di mantenimento da parte di mio nonno: nel frattempo lei ha presentato domanda di assegno sociale che é stata rigettata in quanto non é presente un mantenimento. Volevo sapere se le convenisse fare ricorso a questa domanda o presentarne una nuova una volta divorziata.

Nel quesito, qualcosa non torna o manca qualche particolare: infatti, l’assegno sociale è una prestazione economica, erogata a domanda, destinata ai cittadini italiani e stranieri (residenti in Italia) in condizioni economiche disagiate e con redditi inferiori alle soglie previste annualmente dalla legge.

Peraltro, la Corte di cassazione (ordinanza 23305/2022 dello scorso luglio e sentenza 24954/2021) ha precisato che l’unica condizione prevista dalla legge 335/1995 per l’attribuzione dell’assegno sociale è il possesso di un reddito inferiore ad una certa soglia annualmente stabilita (attualmente 5.983,64 euro, ndr), sancendo il principio secondo il quale, ai fini della concessione dell’assegno sociale, lo stato di bisogno economico non può essere desunto dalle scelte di vita del richiedente ed in particolare dalla circostanza eventuale di non aver accettato, in sede di separazione consensuale, un assegno di mantenimento adeguato. L’unica condizione legittimante per l’accesso alla prestazione assistenziale, hanno concluso i giudici, rileva nella mera oggettività del reddito percepito dal richiedente, che deve risultare inferiore alle soglie di legge.

Converrà ripresentare all’INPS l’istanza di concessione di assegno sociale e, in caso di reiterato rigetto, opporsi prima in autotutela citando la recente giurisprudenza e, nei termini di legge, se necessario, in sede giudiziale con il supporto di un legale.

Attenzione: con l’assegno di mantenimento divorzile a favore della nonna e a carico del nonno, l’assegno sociale non si aggiungerà al mantenimento, ma integrerà l’importo di quest’ultimo fino a raggiungere il massimo annuale netto di 5 mila e 983,64 euro.

24 Settembre 2022 · Tullio Solinas

Altri post che potrebbero soddisfare le esigenze informative di chi è giunto fin qui

Altre sezioni che trattano argomenti simili: , ,


Se il post è stato interessante, condividilo con i tuoi account Facebook e Twitter

condividi su FB     condividi su Twitter

Questo post totalizza 153 voti - Il tuo giudizio è importante: puoi manifestare la tua valutazione per i contenuti del post, aggiungendo o sottraendo il tuo voto

 Aggiungi un voto al post se ti è sembrato utile  Sottrai  un voto al post se il post ti è sembrato inuutile

Seguici su Facebook

seguici accedendo alla pagina Facebook di indebitati.it

Seguici iscrivendoti alla newsletter

iscriviti alla newsletter del sito indebitati.it

Fai in modo che lo staff possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona!



Cosa stai leggendo - Consulenza gratuita

Stai leggendo Forum – Famiglia lavoro pensioni • DSU ISEE ISEEU • nucleo familiare famiglia anagrafica e sostegno al reddito • successione eredità e donazioni » Rigetto assegno sociale per mancanza di mantenimento attribuito in sede di separazione legale. Richiedi una consulenza gratuita sugli argomenti trattati nel topic seguendo le istruzioni riportate qui.

.