Posso rifiutare la conversione del pignoramento chiesta al giudice dal mio debitore?

Argomenti correlati:

Ho un decreto ingiuntivo esecutivo già depositato in tribunale e il mio debitore è stato informato che può chiedere di versare la somma dovuta: io posso non accettare detto saldo e proseguire col recupero del credito tramite pignoramento?

Prima che sia disposta la vendita o l’assegnazione del bene pignorato, il debitore può chiedere di sostituire alle cose o ai crediti pignorati una somma di denaro pari, oltre alle spese di esecuzione, all’importo dovuto al creditore pignorante, comprensivo del capitale, degli interessi e delle spese.

E’ quanto dispone l’articolo 495 del codice di procedura civile: pertanto l’eventuale l’importo satisfativo offerto dal debitore, così come calcolato dal giudice, ai sensi dell’articolo 495 del codice di procedura civile, non può essere rifiutato dal creditore pignorante.

Peraltro, lei, prima di procedere nell’azione esecutiva di pignoramento, deve ancora notificare il precetto al debitore e nulla toglie che il debitore possa adempiervi nei termini ingiunti.

17 Marzo 2020 · Marzia Ciunfrini



Condividi il topic dona e vota


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!


Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Posso rifiutare la conversione del pignoramento chiesta al giudice dal mio debitore?