Richiesta Recupero Crediti per pagamento con assegno postdatato di un debito pregresso non rimborsato

Non sto pagando da due mesi una carta di credito (Carta Bancopostapiù): oggi mi hanno chiamato per coprire entro la fine del mese con un assegno post datato. Ma è legale? Se no a chi posso rivolgermi per denunciare questo?

La postdatazione è comunque inefficace, perché l’assegno presentato prima del giorno indicato come data di emissione è pagabile nel giorno della presentazione (articolo 30 regio decreto 1736/33).

Infatti, essendo un mezzo di pagamento, l’assegno non può mai avere una scadenza futura e, pertanto, è sempre pagabile a vista: il che significa che anche se datato con anno tremila può essere presentato all’incasso il giorno dopo quello di emissione, scatenando, in caso di provvista insufficiente, protesto, revoca di sistema, iscrizione nella Centrale di Allarme Interbancaria (CAI) e nel Registro Informatico dei Protesti (RIP), a carico del traente (cioè di colui che ha emesso l’assegno).

La legge vieta espressamente l’emissione di assegni postdatati e prevede, qualora venga indicata una data posteriore a quella di effettiva emissione, l’applicabilità del bollo delle cambiali (12 per mille) e delle sanzioni previste dal dpr 642/1972, articolo 25 (da 20 a 50 volte l’imposta non corrisposta).

Le sanzioni sono comminate dall’Ufficio del Registro (presso l’Agenzia delle Entrate) a carico di chi ha emesso l’assegno e dietro segnalazione della banca che riceve il titolo prima della scadenza, stante l’obbligo a suo carico di pagarlo nel caso vi sia la copertura (l’assegno, pur se postdatato, conserva la sua validità di mezzo di pagamento, come abbiamo già esaurientemente accennato).

Concludendo, lo strumento adatto agli scopi che si prefigge la società di recupero crediti è la cambiale. Al momento non sussistono gli estremi per una denuncia a carico dell’addetto al recupero crediti che l’ha contattata personalmente: lei può liberamente proporre modalità alternative (legittime) di transazione oppure rifiutarsi (per ora) di pagare il debito con un accordo stragiudiziale.

24 Aprile 2019 · Simonetta Folliero

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assegno in bianco o postdatato - Nullo il patto a garanzia del debito ma sussiste comunque la promessa di pagamento
L'emissione di un assegno in bianco o postdatato, cui di regola si fa ricorso per realizzare il fine di garanzia, nel senso che esso è consegnato a garanzia di un debito e deve essere restituito al debitore qualora questi adempia regolarmente alla scadenza della propria obbligazione, rimanendo nel frattempo nelle mani del creditore come titolo esecutivo da far valere in caso di inadempimento, è contrario alle norme imperative contenute negli articoli 1 e 2 del Regio Decreto 1736/1933. Pertanto, in relazione a un tale assegno, può essere revocato il decreto ingiuntivo basato su una transazione garantita dall'assegno postdatato. Tuttavia, l'assegno ...

Recupero crediti e proposta di cambializzare il debito
Io sono in cassa integrazione (cigs) da oltre un anno, mia moglie non lavora e ho un figlio che ha 16 anni e va a scuola. Da circa 8 mesi non riesco più a pagare le rate di un prestito e di una carta di debito/credito per un ammontare di 550 euro al mese circa. Dopo le centinaia di telefonate ora mi hanno proposto di cambializzare pagando anche 70 euro al mese per 120 mesi. Ho un residuo di 28.000 euro e pagando già 450 euro di mutuo mi è impossibile far fronte a tutto. Cosa mi consigliate? ...

Richiesta pagamento da società di recupero crediti per bollette relative a fornitura di energia elettrica mai ricevute
L'altro giorno mi ha telefonato una addetta di una società di recupero crediti richiedendomi il pagamento di due bollette per energia elettrica risalenti al 2015, per conto della società che in allora mi forniva l'energia. Proprio l'anno scorso, a mia insaputa, l'azienda fornitrice ha dirottato il mio contratto sull'ENEL senza darmene alcuna comunicazione. Il contratto era stato effettuato telefonicamente con la registrazione della conversazione telefonica. Io avevo chiesto l'addebito dei consumi su conto corrente bancario e rilasciato tutti gli estremi per l'attivazione di questa forma di pagamento. La ditta non ha mai provveduto in tal senso e, ogni tanto ricevevo ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Richiesta Recupero Crediti per pagamento con assegno postdatato di un debito pregresso non rimborsato