Società di recupero crediti richiede pagamento per comodato dispositivo black box che installai a fini assicurativi sul veicolo di mia proprietà

Salve, qualche settimana fa ho ricevuto un SMS da parte di Esafactor col seguente testo: si prega di contattare la Società Hexa al numero.xx-xxxxxxxx per questioni urgenti relative alla chiusura contratto del dispositivo satellitare OCTO con Targa XX000YY”

Mi sono quindi rivolto alla mia precedente agenzia di assicurazioni chiedendo spiegazioni in merito dato che avevo cambiato compagnia da 3 anni. Loro mi hanno detto che se al momento del cambiamento di compagnia assicurativa non ho fatto smontare il disp. satellitare (cosa che era a loro carico) allora devo pagare per gli arretrati relativi al contratto di comodato d’uso. Loro (che a mio nome hanno provato a contattare la soc. Hexa) mi hanno detto che l’importo da versare sarebbe di 110,00€ ma che non possono fornire altra informazione (per la tutela della privacy) finchè non chiamo io.

A questo punto provo a chiamare io ma non risponde mai nessuno, lascio il nr al centralino automatico ma a distanza di 2 settimane non vengo ancora richiamato.

Vorrei sapere pertanto cosa dovrei fare a questo punto dato che non riesco a mettermi in contatto con loro e loro non mi richiamano. Se faccio finta di non aver ricevuto niente cosa potrebbe succedere? Ma è possibile che queste società comunicano queste cose via SMS? E’ una cosa legale? Non dovrebbero mandare una raccomandata con ricevuta di ritorno?

Quali rischi si corrono a non pagare? Potete darmi una mano a capire e a risolvere senza passare da avvocati o altre spiacevoli situazioni?

Grazie in anticipo per la gentile disponibilità e attenzione.

La prima cosa da fare è individuare l’indirizzo della HEXA a cui inviare una raccomandata AR in piego, con la quale comunicare che il dispositivo concesso in comodato non è stato più utilizzato dalla data in cui fu cambiata polizza e compagnia di assicurazione del veicolo, che fino ad oggi il proprietario del veicolo è rimasto, inutilmente, in attesa di indicazioni circa l’officina convenzionata dove recarsi per la disinstallazione del black box e rinnovare la richiesta di poter disinstallare e consegnare il dispositivo al comodante, anche considerando il fatto che il dispositivo sta creando non pochi problemi di interferenza all’assetto elettronico del veicolo stesso.

Poi ci aggiorniamo alla prossima.

24 Novembre 2020 · Giovanni Napoletano

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Richiesta pagamento da società di recupero crediti per bolletta mai ricevuta
Nel 2012 vivevo a Roma in un appartamento in affitto, e ho intestato le utenze a mio nome mantenendo  la mi residenza in Toscana. Ad aprile 2012 ho lasciato l'appartamento ma per fare una cortesia alla padrona di casa ho lasciato le utenze sempre a mio nome e ho fatto la voltura a novembre 2012. Adesso precisamente il 20 febbraio 2020 ho ricevuto una lettera per posta normale da un'azienda di recupero crediti per conto dell'Eni dove mi comunica di pagare una fattura che da euro 68,48 con interessi è arrivata a 96,98 e di pagare entro 5 giorni dal ...

Trattativa saldo e stralcio – recupero crediti richiede ISEE (Parte seconda)
Il lavoro da quest'anno è a tempo indeterminato (mi sono sbagliato ieri): il riferimento è a questo topic. Poi cito Vs. risposta: "Dall'altra il debitore che preferisce prendere tempo ed attendere, magari, la cessione di seconda mano del credito ad altra società con la conseguente possibilità di ridurre ancora l'importo da versare a saldo stralcio" In realtà io voglio saldare senza perdere tempo, gestendo una trattativa che mi possa far adempiere a questa cosa, senza pesare sul bilancio famigliare ed è per questo ho trovato un lavoretto extra. La mia domanda è come gestire la richiesta Isee. Ieri sono passato ...

Recupero crediti mi richiede pagamento per rate insolute di un prestito del 1998 - Non è un po tardi?
Chiedo il vostro aiuto per capire meglio come poter agire per quanto riguarda una recente vicenda: qualche settimana fa, tornando a casa, ho trovato nella cassetta delle lettere un foglio, sul quale c'era l'invito di prendere urgentemente contatto con un determinato numero telefonico, per motivi che mi riguardavano. Da un primo controllo su internet tale numero risultava associato ad un'impresa edile, quindi chiamo e mi risponde una persona presentandosi con nome e cognome (lo stesso di uno dei soci dell'impresa edile associata al numero telefonico), dicendo di essere un esattore e chiedendomi il pagamento delle rate insolute di un finanziamento ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Società di recupero crediti richiede pagamento per comodato dispositivo black box che installai a fini assicurativi sul veicolo di mia proprietà