Richiesta fattura a studio legale – Ulteriori precisazioni


A seguire sul filo del discorso dei post precedenti richiedo cortesemente un chiarimento, ammesso e non concesso, che il professionista non abbia emesso fattura nei termini che avete indicato, quindi il giorno stesso della definizione della pratica o al massimo 12 giorni dopo, non potrebbe più a distanza di quasi due anni fatturare gli importi incassati a suo tempo, è corretto? Inoltre se è stata concordata tra il cliente e il professionista una rateizzazione per parte del compenso, deve deve essere rilasciata relativa fattura parziale al pagamento di ogni singola rata?

Delle questioni poste si occupa l’articolo 6 del Decreto del Presidente della Repubblica (DPR) 633/1972, secondo il quale Le prestazioni di servizi si considerano effettuate all’atto del pagamento del corrispettivo. Le prestazioni di servizi come i prestiti di denaro e di titoli non rappresentativi di merci, si considerano effettuate al momento in cui sono rese, ovvero, se di carattere periodico o continuativo, nel mese successivo a quello in cui sono rese.

Le medesime regole vanno osservate qualora il professionista concordi con il cliente il pagamento rateale e cioè la fattura va, comunque, emessa, per un importo pari al corrispettivo, al momento della prestazione: normalmente, un terzo prestatore dovrebbe concedere un finanziamento al cliente per il pagamento dilazionato della prestazione resa dal professionista.

Per fatturare oggi il corrispettivo incassato due anni prima, il professionista dovrebbe posporre di due anni il momento in cui la prestazione è stata resa, con tutte le problematiche che ciò comporterebbe, tenendo conto della data certa che quasi sempre è riportata su atti e documenti correlati alla prestazione resa: nella fattispecie le date degli accordi transattivi sottoscritti fra creditore e cliente.

Per concludere, se si vuole incastrare il professionista che si presume non abbia registrato fiscalmente le parcelle versate dal cliente, bisogna fornire alla Guardia di Finanza dettagliate informazioni sull’entità della parcella, sulle modalità del versamento (tracciabile o in contanti), sui documenti (con data certa) relativi alle prestazioni rese.

5 Maggio 2022 · Andrea Ricciardi



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Richiesta fattura a studio legale – Ulteriori precisazioni