Dopo l’asta immobiliare – Quando il debitore inadempiente espropriato risulta ancora debitore del creditore procedente


la banca ha proposto procedura per un credito da mutuo ipotecario di 68 mila euro: l’asta si e’ conclusa con un riparto nel quale la banca ha avuto 13 mila euro. Adesso ha ottenuto un precetto per avere la differenza(55.000€). Con l’assegnazione non si estingue il debito? E’ regolare la ulteriore richiesta?

Con l’assegnazione giudiziale del ricavato dalla vendita all’asta al creditore procedente (nella fattispecie 13 mila euro) non si estingue il debito azionato (nella fattispecie 63 mila euro) qualora il primo importo risulti inferiore al secondo.

Infatti se il ricavato dalla procedura di vendita all’asta fosse stato superiore al credito azionato, la differenza fra ricavato e importo a debito residuo, sarebbe stata assegnata al debitore inadempiente.

Nella situazione esposta, invece, il debitore inadempiente dopo l’espropriazione dell’immobile di proprietà, è ancora debitore della differenza fra credito azionato e ricavato dalla vendita all’asta.

26 Maggio 2021 · Patrizio Oliva



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Dopo l’asta immobiliare – Quando il debitore inadempiente espropriato risulta ancora debitore del creditore procedente