Ulteriore precisazione » Revocatoria ordinaria – Nel mio caso come è possibile pensare vi sia stato intento fraudolento?

Donazione fatta dal marito alla moglie tre anni prima della citazione per revocatoria ordinaria (quando ancora non esisteva il debito), il debito è sorto dopo tre anni.

Si precisa che dopo la donazione la moglie ha prestato fideiussione al marito ad altra banca mettendo a rischio non solo l’immobile donato ma anche tutto il suo patrimonio, (il fideiussore escusso sta pagando a saldo e stralcio) come si può pensare che vi sia stata preordinazione per non pagare i creditori?

L’azione revocatoria è ancora in fase iniziale.

Se la donazione è stata perfezionata con atto pubblico, registrato prima dell’insorgenza del credito, in modo che il creditore non avesse in alcun modo potuto fare erroneo affidamento sull’eventuale espropriazione dell’immobile di proprietà del debitore in caso di suo inadempimento, non vedo come l’azione revocatoria ordinaria, poggiata sul consilium fraudis del debitore, possa essere accolta.

Tuttavia in Tribunale se ne vedono e sentono di ogni, e non è certo possibile, in situazioni così complesse ed articolate, formulare un parere affidabile senza disporre, almeno, della documentazione allegata dalle parti.

3 Aprile 2018 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Revocatoria ordinaria - Nel mio caso come è possibile pensare vi sia stato intento fraudolento?
Donazione fatta dal marito alla moglie tre anni prima della citazione per revocatoria ordinaria (quando ancora non esisteva il debito), il debito è sorto dopo tre anni. Si precisa che dopo la donazione la moglie ha prestato fideiussione al marito ad altra banca mettendo a rischio non solo l'immobile donato ma anche tutto il suo patrimonio, come si può pensare che vi sia stato consilium fraudis? ...

Quando una donazione può essere considerata obbligazione naturale e come tale non soggetta a revocatoria ordinaria?
Coniugi in separazione di beni vendono una casa cointestata e si trasferiscono in una abitazione di proprietà del solo marito ricevuta in eredità, la moglie rimane quindi priva di proprietà e il marito per dovere morale dona la casa alla moglie e riserva per se il diritto di abitazione. Questa donazione può essere considerata obbligazione naturale e quindi non soggetta ad azione di revocatoria ordinaria? (si precisa che la moglie ha poi corrisposto al marito quasi l'intera somma della vendita della casa cointestata attraverso vari bonifici). ...

Azione revocatoria di atti del debitore - Intento fraudolento e preordinazione dolosa ai danni del creditore
Com'è noto, l'azione revocatoria è l'azione giudiziale con cui il creditore può domandare che siano dichiarati inefficaci, nei suoi confronti, gli atti di disposizione del patrimonio del debitore finalizzati a compromettere la futura riscossione coattiva del credito. Se l'azione revocatoria ha per oggetto atti posteriori al sorgere del credito, ad integrare l'elemento soggettivo dell'intento fraudolento dell'atto disposto dal debitore è sufficiente la semplice conoscenza, nel debitore e nel terzo acquirente, del danno che la disposizione arreca all'azione esecutiva del creditore. Invece, laddove, l'azione revocatoria ha per oggetto atti anteriori al sorgere del credito, è richiesta, quale condizione per l'esercizio dell'azione ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Ulteriore precisazione » Revocatoria ordinaria – Nel mio caso come è possibile pensare vi sia stato intento fraudolento?