Redditi da dichiarare in DSU ISEE

Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!



Devo fare richiesta di borsa di studio e nell’Isee del 2022 non ho inserito nel riquadro FC4 della DSU (Dichiarazione Sostitutiva Unica) il valore della Borsa do studio percepita nell’anno 2020: vorrei sapere se é obbligatorio il suddetto inserimento e se incide nell’accettazione della domanda stessa.

L’articolo 4, comma 2 del DPCM (Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri) 159/2013 stabilisce che il reddito di ciascun componente il nucleo familiare da indicare nella Dichiarazione Sostitutiva Unica (DSU) per il calcolo dell’Indicatore della Situazione Economica Equivalente (ISEE), é ottenuto sommando le seguenti componenti:

a) reddito complessivo ai fini IRPEF;

b) redditi soggetti a imposta sostitutiva o a ritenuta a titolo d’imposta;

c) ogni altra componente reddituale esente da imposta, nonché i redditi da lavoro dipendente prestato all’estero tassati esclusivamente nello stato estero in base alle vigenti convenzioni contro le doppie imposizioni;

d) i proventi derivanti da attività agricole, svolte anche in forma associata, per le quali sussiste l’obbligo alla presentazione della dichiarazione IVA; a tal fine va assunta la base imponibile determinata ai fini dell’IRAP, al netto dei costi del personale a qualunque titolo utilizzato;

e) assegni per il mantenimento di figli effettivamente percepiti;

f) trattamenti assistenziali, previdenziali e indennitari, incluse carte di debito, a qualunque titolo percepiti da amministrazioni pubbliche, laddove non siano già inclusi nel reddito complessivo IRPEF;

g) redditi fondiari relativi ai beni non locati soggetti alla disciplina dell’IMU, non indicati nel reddito complessivo IRPEF. A tal fine i redditi dei fabbricati si assumono rivalutando la rendita catastale del 5 per cento e i redditi dei terreni si assumono rivalutando il reddito dominicale e il reddito agrario, rispettivamente, dell’80 per cento e del 70 per cento. Nell’importo devono essere considerati i redditi relativi agli immobili all’estero non locati soggetti alla disciplina dell’imposta sul valore degli immobili situati all’estero non indicati nel reddito complessivo IRPEF;
h) il reddito figurativo delle attività finanziarie, determinato applicando al patrimonio mobiliare complessivo del nucleo familiare, con la sola esclusione dei depositi e conti correnti bancari e postali, il tasso di rendimento medio annuo dei titoli decennali del Tesoro ovvero, ove inferiore, il tasso di interesse legale vigente al 1° gennaio maggiorato di un punto percentuale;

i) il reddito lordo dichiarato ai fini fiscali nel paese di residenza da parte degli appartenenti al nucleo iscritti nelle anagrafi dei cittadini italiani residenti all’estero (AIRE), convertito in euro al cambio vigente al 31 dicembre dell’anno di riferimento del reddito.

Mi sembra ci sia tutto e che, dai redditi da dichiarare in DSU/ISEE per ciascun componente del nucleo familiare del dichiarante, non vengano escluse le borse di studio eventualmente fruite nel corso dell’anno di riferimento del reddito (nella fattispecie il 2020). L’omessa denuncia del reddito percepito incide, evidentemente, sul valore ISEE e conseguentemente sull’accoglimento della domanda di assegnazione della borsa di studio (a parità degli altri requisiti richiesti per l’assegnazione).

Il dichiarante sottoscrive la DSU/ISEE consapevole delle conseguenze che possono derivare, in sede di accertamento (leggasi incrocio dei dati forniti con quelli conservati nell’Anagrafe dei Redditi e dei Patrimoni, detenuta dall’Agenzia delle Entrate), dall’aver fornito informazioni mendaci o aver omesso dati che incidono sul calcolo del valore ISEE

23 Agosto 2022 · Genny Manfredi



Condividi e vota il topic


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Vota il topic se ti è stato utile

Approfondimenti

Dove mi trovo?





Fai in modo che lo staff di indebitati.it possa continuare ad offrire consulenze gratuite. Dona ora!