Come recuperare il TFR spettante e non liquidato dal datore di lavoro?

Circa 9 anni fa la ditta per la quale lavorava MIO FRATELLO (meno di 10 dipendenti) ha cambiato ragione sociale da società in accomandita semplice a società a responsabilità limitata in liquidazione.

In tutti questi passaggi mio fratello non ha percepito il Trattamento di Fine Rapporto (TFR) né per la prima sasa né per la seconda srl.

Dal cedolino attuale compare che l'importo dovuto per il trattamento di fine rapporto riguarda solo gli ultimi 4 anni lavorati nella srl.

La domanda è questa: c'è una minima speranza di recuperare il TFR maturato nella sas e, nell'eventualità, quali sono i passi da compiere?

Prima che intervenga la prescrizione decennale del diritto ad esigere il TFR maturato per le prestazioni lavorative rese alla sas, suo fratello dovrebbe rivolgersi ad un avvocato serio considerando l'onorario da anticipare come un investimento: alcuni bravi avvocati, operanti nel settore, si accordano, anche se non ufficialmente (essendo il patto di quota lite ormai vietato dall'ordine forense) con una partecipazione al recuperato.

Infatti, mentre per gli anni trascorsi nella srl, in caso di mancato pagamento del TFR, suo fratello potrà fare ben poco (la srl risponde solo per il capitale conferito dai soci, che di solito ammonta a pochi spiccioli), dei debiti della sas (ed il TFR è un debito verso il lavoratore) rispondono i soci accomandatari, solidalmente fra loro ed illimitatamente, con i beni personali (immobili, conti correnti e crediti presso terzi).

Posso comprendere la remora di suo fratello, probabilmente timoroso di un licenziamento dalla srl per cui lavora, nel caso di azione legale intrapresa per la riscossione coattiva del TFR maturato al tempo della sas, ma va tenuto ben presente il rischio, peggiore, di essere licenziato senza percepire nè il TFR maturato per il lavoro svolto alle dipendenze della attuale srl per cui lavora, nè quello a cui ha (ancora per poco) diritto per l'attività resa alla sas.

Comunque, vale la pena almeno interrompere il decorso della prescrizione (basta una diffida ad adempiere ai soci sas): in questo modo potrebbe sempre trattare un paventato licenziamento dalla srl mettendo sul piatto della bilancia la possibilità di ricorrere al giudice per il recupero del credito maturato verso i soci accomandatari della sas.

8 maggio 2018 · Tullio Solinas

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Trattamento di fine rapporto in busta paga ad aprile - il modulo per la domanda al datore di lavoro
Con lo stipendio di aprile 2015 sarà possibile ottenere il pagamento della quota maturanda del trattamento di fine rapporto come parte integrativa della retribuzione. Di questa nuova opportunità potranno beneficiare i lavoratori dipendenti del settore privato che hanno un rapporto di lavoro in essere da almeno sei mesi presso la ...
Tfr non corrisposto dal datore di lavoro » Come recuperarlo
La tragica crisi economica che ha colpito il nostro, e non solo, Paese, sta mettendo in grave difficoltà molti datori di lavoro e aziend,e a tal punto da non poter corrispondere ai propri dipendenti il trattamento di fine rapporto (Tfr) e spesso anche gli stipendi. Come si deve comportare, dunque, ...
Fondo di garanzia INPS - Prescrizione del diritto al pagamento del TFR e prescrizione del diritto al pagamento delle ultime tre mensilità
Il fondo di garanzia "TFR e Crediti diversi" è un Fondo gestito dall'Inps che paga il trattamento di fine rapporto (TFR) e le ultime tre mensilità in sostituzione del datore di lavoro insolvente. Il Fondo corrisponde per intero il TFR dovuto dall'imprenditore insolvente nella misura in cui risulta ammesso nello ...
Trasformazione rapporto di lavoro a tempo parziale - Come si calcola l'anzianità per il trattamento pensionistico
Il lavoro a tempo parziale costituisce un tipo particolare di rapporto lavorativo caratterizzato dalla mera riduzione della normale durata temporale della prestazione. Il lavoratore a tempo parziale ha i medesimi diritti di un lavoratore a tempo pieno ed il suo trattamento economico e normativo è riproporzionato in ragione della ridotta ...
Incentivo all'esodo per ex coniuge obbligato - Al coniuge divorziato beneficiario spetta il 40 per cento dell'importo riferibile agli anni in cui il rapporto di lavoro é coinciso con il matrimonio
Le somme corrisposte dal datore di lavoro, in aggiunta alle spettanze di fine rapporto, come incentivo alle dimissioni anticipate del dipendente (cosiddetti incentivi all'esodo) non hanno natura liberale né eccezionale, ma costituiscono reddito di lavoro dipendente, essendo predeterminate al fine di sollecitare e remunerare, mediante una vera e propria controprestazione, ...

Briciole di pane

Altre info



Cerca