Recupero crediti su pensione di inabilità – Quanto potrebbero prelevare dalla pensione se agissero in tribunale?

Sono una invalida al 100% andata a 50 anni e con non molti anni di servizio con pensione d’inabilità e pensione di quasi 840 euro mensili: avevo sulla busta paga delega e quinto e l’INPS a causa credo della piccola pensione, mi trattiene solo 140 euro mensili per la cessione che avrò ancora per otto anni circa.

In pratica prendo detratta la rata e sindacato scarsi 700 euro. dopo due anni dal primo avvertimento seguente alla mia andata in pensione si sono rifatti vivi i parassiti di cui non faccio nome dato che non voglio darvi rogne, invitandomi a versare 8400 euro entro 10 giorni pena casini legali.

Volevo chiedervi quali rischi corro non avendo nulla a parte pochi spicci, nè sul conto corrente dove mi viene addebitata la pensione nè libretti o proprietà immobiliari.

Volevo anche domandare se facessi un offerta prendere o lasciare per chiudere la pratica della metà dell’importo 4200 euro che mi darebbe mio padre, pur di liberarmi di telefonate e raccomandate infinite, potrebbe essere accettata o rifiuterebbero certamente?

Io a dire il vero avevo pensato a rinnovare il quinto prima della sua scadenza con l’inps e chiudere la pratica con quei farabutti. Gradirei avere un vostro parere.

La pensione può essere pignorata presso l’INPS, solo per l’importo eccedente 689,74 euro, che al momento rappresenta il minimo vitale: facendo qualche conticino, la società di recupero crediti che pretende gli 8 mila e 400 euro entro 10 giorni, ammesso che abbia la documentazione necessaria per chiedere un decreto ingiuntivo al giudice, potrà, al massimo, pignorarle il 20% della differenza fra 840 euro e il minimo vitale, dunque, 30 euro al mese. Solo per ammortizzare le spese di procedura legale da anticipare, i signori del recupero crediti dovrebbero attendere almeno un quinquennio.

Su queste basi, se proprio intende pagare pur di liberarsi dal fastidio di telefonate moleste (ma, potrebbe anche denunciarli e levarseli di torno gratis, a meno delle raccomandate AR per le quali non si può fare nulla) l’offerta, secondo noi più che equa, consisterebbe in un migliaio di euro a saldo stralcio (grasso che cola), giusto come regalo pasquale. Non di più.

24 Marzo 2020 · Michelozzo Marra

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Assegno Sociale e somme corrisposte per errore di cui adesso l'INPS chiede la restituzione - Se non pago potrebbero prelevare dalla pensione?
Sono titolare di assegno social INPS oltre a due pensioni una tedesca di 160 euro e l'altra svizzera di 60 euro: per 29 mesi (dal Gennaio 2015 al Maggio 2017) ho ricevuto l'assegno sociale per 450 euro, ma da giugno 2017 ho percepito solo 225 euro perché hanno operato una decurtazione. Nel frattempo mi hanno richiesto oltre 7 mila euro per la differenza che mi avrebbero dato in più nei 29 mesi precedenti. Non ho nessun immobile (vivo in una casa di proprietà di mia figlia, con diritto di abitazione), nessuna auto e tanti debiti precedenti con equitalia, la stessa ...

Recupero crediti INPS su pensione e nuove tutele di impignorabilità del minimo vitale
Sono un pensionato INPS con pensione di circa 579 euro al mese e un debito di alcune migliaia di euro con l'INPS. Da 5 anni mi vengono decurtati 97 euro direttamente dall'INPS prima di erogarmi la pensione per "recupero crediti". Mi chiedo: con l'entrata in vigore del nuovo art. 545 c.p.c. (i nuovi limiti di pignorabilità della pensione), questa pratica continua a rimanere legale? Navigando su internet molti parlano di trattamento minimo, altri di assegno sociale. Questa trattenuta è un pignoramento? ...

Azione esecutiva ulteriore su pensione già gravata da precedente pignoramento e da cessione del quinto - Quanto potrà prelevare il creditore procedente?
Percepisco mensilmente una pensione netta di 2 mila e 100 euro dai quali vengono dedotti 400 Euro mese a fronte di un PIGNORAMENTO a suo tempo concesso dal TRIBUNALE, e 300 Euro mese a fronte di cessione volontaria di 1/5 a favore di una FINANZIARIA. Ad oggi quindi mi vengono mensilmente accreditati 1.400 Euro netti mensili. Un ulteriore CREDITORE ha notificato, sia al sottoscritto che all'Ente Pensionistico una nuova richiesta di PIGNORAMENTO sulla pensione ed è stata fissata l' UDIENZA al 30 Gennaio 2018. Domande : 1. – Per quest’ultimo CREDITORE esiste ancora possibilità e spazio per vedersi riconosciuta ed ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Recupero crediti su pensione di inabilità – Quanto potrebbero prelevare dalla pensione se agissero in tribunale?