Recupero crediti e saldo a stralcio – alcune domande

Facendo le agenzie del recupero credito proposte su saldo a stralcio del 60% del totale dovuto circa 24.000 con saldo a stralcio, è possibile, secondo voi, fare da parte nostra un’altra proposta del 70% circa quindi arrivare a circa 19.000 euro, proponendo in questo caso, rate da 150 euro invece che 200 come da loro proposta?

Nel caso si giungesse a un accordo, sapete se è possibile chiedere dei bollettini postali invece che cambiali, come loro vorrebbero?

Valutando tutta la situazione, per noi il rischio di un decreto ingiuntivo con cessione del quinto sarebbe molto preoccupante dal punto di vista economico, poichè il quinto sarebbe di circa 300 euro.

A questo proposito vorrei chiedere ancora: Il totale da rimborsare, nel caso di cessione del quinto sarebbe tutto l’importo del debito (58.000 euro) e non un importo minore deciso dal Giudice?

Questi contatti telefonici, sono sicuri o la Società del recupero crediti dovrebbe inviarci comunque una comunicazione dove ci informa di avere acquisito la nostra posizione? Ho paura che non pazientino fino a trovare un accordo e che ci troviamo dalla padella nella brace.

Il totale da rimborsare, nel caso di cessione del quinto sarebbe tutto l’importo del debito (58.000 euro) e non un importo minore deciso dal Giudice?

Per ottenere il pignoramento del quinto dello stipendio (non la cessione) il creditore deve prima ottenere dal giudice un decreto ingiuntivo. L’importo ingiunto sarà dato dal capitale del debito residuo gravato dagli interessi moratori di legge spettanti per il ritardato pagamento e dalle spese legali. Dunque, tutto dipende dalla documentazione che ha in mano il creditore per dimostrare la propria pretesa e dal modo con cui sono stati calcolati gli interessi per arrivare al totale che si vuole ingiungere al debitore. Quel che è certo, il giudice non acconsentirà mai di decretare il pagamento di somme che risultano dall’applicazione di interessi anatocistici, di tassi da usura e di spese di recupero eccessive; nè abbatterà arbitrariamente l’importo del capitale residuo da corrispondere.

Nel caso si giungesse a un accordo, sapete se e’ possibile chiedere dei bollettini postali invece che cambiali, come loro vorrebbero?

L’accordo può prevedere qualsiasi modalità di pagamento, anche quella di inviare i soldi mensilmente, con un piccione viaggiatore, avendone uno a disposizione.

E’ possibile, secondo voi, fare da parte nostra un’altra proposta del 70% circa quindi arrivare a circa 19.000 euro, proponendo in questo caso, rate da 150 euro invece che 200 come da loro proposta?

E’ possibile fare qualsiasi proposta: anche invitare a cena l’addetto al recupero crediti per definire i dettagli dell’accordo inserendo il conto del ristorante nel piano di rientro del debito da saldare. Io, personalmente, chiederei di pagare il 10% del debito contabilizzato dal creditore con rate di 100 euro al mese. Prendere o lasciare: e poi starei a vedere se davvero hanno il coraggio di andare dal giudice. Sia chiaro, è quello che farei io e non si tratta assolutamente di un invito, a voi rivolto, di fare altrettanto.

Questi contatti telefonici, sono sicuri o la Societa’ del recupero crediti dovrebbe inviarci comunque una comunicazione dove ci informa di avere acquisito la nostra posizione? Ho paura che non pazientino fino a trovare un accordo e che ci troviamo dalla padella nella brace.

Nella mia lunga carriera di addetta al recupero crediti, ho potuto constatare personalmente di pagamenti effettuati da debitori indotti a versare le rate direttamente sul conto corrente personale dell’operatore disonesto a cui era stata assegnata la pratica. Truffe e malversazioni sono all’ordine del giorno quando si ha a che fare con società di recupero crediti, le quali assumono il personale con turn over insostenibili, senza pretendere le minime referenze o esperienze lavorative precedenti. Si imbarca chiunque. E’ necessario, pertanto, prendere visione della lettera di cessione del credito che la cessionaria deve, per legge, rendere disponibile al debitore. Bisogna contattare il creditore originario per indagare sull’effettiva cessione del credito al soggetto che vanta il diritto a riscuotere. Occorre pretendere una comunicazione di accettazione della proposta transattiva a saldo stralcio redatta su carta intestata, con logo e firma del legale rappresentante, inviata in originale per posta con raccomandata AR. Va attentamente verificato, qualora il pagamento venisse veicolato su conto corrente, a chi è intestato il rapporto corrispondente all’IBAN che è stato indicato nella proposta di accordo. Anche avendo fretta di concludere senza le dovute garanzie, si rischia di finire dalla padella alla brace.

20 Febbraio 2016 · Annapaola Ferri

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Recupero crediti Caf spa - C'è un modo per far rispettare una proposta di saldo stralcio non perfezionata?
In riferimento a questa mia domanda ho indicato a CAf spa le correzioni da fare sulla proposta di saldo e stralcio con le indicazioni da voi suggerite. La reazione di Caf SPA è stata quanto meno sconcertante. Ci mandano una mail chiedendo un contatto telefonico, improvvisamente hanno finito di scrivere mail, telefoniamo e si scopre che non vogliono inserire i riferimenti agli articoli 1260 e 1236, inoltre ho dovuto ribadire che nella proposta dovevano inserire la scritta stralcio che non appariva da nessuna parte e soprattutto la cifra originaria. Visto che non hanno voluto mettere per iscritto il rifiuto fatto ...

Trattativa saldo e stralcio – recupero crediti richiede ISEE (Parte seconda)
Il lavoro da quest'anno è a tempo indeterminato (mi sono sbagliato ieri): il riferimento è a questo topic. Poi cito Vs. risposta: "Dall'altra il debitore che preferisce prendere tempo ed attendere, magari, la cessione di seconda mano del credito ad altra società con la conseguente possibilità di ridurre ancora l'importo da versare a saldo stralcio" In realtà io voglio saldare senza perdere tempo, gestendo una trattativa che mi possa far adempiere a questa cosa, senza pesare sul bilancio famigliare ed è per questo ho trovato un lavoretto extra. La mia domanda è come gestire la richiesta Isee. Ieri sono passato ...

Come pervenire ad un accordo a saldo stralcio con una società di recupero crediti
Dopo essere rimasta a casa per i soliti motivi di crisi nel 2009 ho aperto una partita iva e mi sono abilitata come Agente Immobiliare. In questi anni, tamponando le varie situazioni di carenze lavorative, sono "caduta" nelle carte revolving e mi sono indebitata. Ho due carte revolving con le quali non sono in regola con i pagamenti. Per una sono in trattativa per un accordo transattivo a saldo stralcio. Per l'altra residuo uno scoperto di 5 mila euro a cui non sono in grado di far fronte. I miei genitori mi potrebbero aiutare e potrei stralciare 2000 circa su ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Recupero crediti e saldo a stralcio – alcune domande