RDC con domicilio diverso da luogo di residenza

Ho una domanda a cui il CAF non ha saputo rispondere: io sono domiciliato a Latina e ho un regolare contratto di locazione registrato all’agenzia delle entrate, ma sono residente a Catania. Nel mio stato di famiglia sono solo io, quindi il mio nucleo familiare è composto da me stesso. Ai fini di ottenere il RDC quanto è importante questo? Da calcolare che la mia residenza è in un civico dove ricevo soltanto la posta ai fini elettorali, fiscali o urgenti, ma non ho nessun contratto di affitto né ci vivo. Qualcuno potrebbe aiutarmi a ben capire?

Il diritto al reddito di cittadinanza si basa sull’ISEE relativo al nucleo familiare: quest’ultimo, a sua volta, si individua partendo dallo stato di famiglia, mentre alcuna rilevanza ha, ai fini ISEE, il cosiddetto domicilio.

Deve essere anche chiaro che per individuare il nucleo familiare non è sufficiente considerare esclusivamente lo stato di famiglia: ad esempio per un soggetto coniugato che vive lontano da casa ed ha acquisito residenza disgiunta da coniuge e figli (dunque, ha lo stato di famiglia in cui compare da solo), il nucleo familiare comprende anche il coniuge ed i figli.

Ancora, per un soggetto non coniugato, di età inferiore ai 26 anni, senza figli naturali riconosciuti, senza reddito, avente lo stato di famiglia in cui compare da solo, continua a far parte dello stesso nucleo familiare dei genitori (compresi fratelli, sorelle e quant’altri siano presenti nel nucleo familiare dei propri genitori).

29 Aprile 2020 · Genny Manfredi

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Notifica della cartella esattoriale nelle mani del destinatario - legittima anche se effettuata in luogo diverso dal domicilio o dalla residenza
La notifica nelle mani del destinatario, anche se effettuata in luogo diverso da quello in cui lo stesso destinatario ha la normale residenza o il domicilio, è perfettamente valida, per avere raggiunto lo scopo di portare a conoscenza del soggetto l'atto notificato. Infatti il riferimento ai criteri della residenza, domicilio, dimora, sono rilevanti solo nell'ipotesi in cui la notifica non sia stata effettuata nelle mani del destinatario. In pratica la notifica, effettuata direttamente nelle mani del destinatario, in particolare della cartella esattoriale relativa a sanzioni amministrative per violazione del codice della strada, è legittima, anche se perfezionata in luogo diverso ...

Residenza e domicilio ai fini del reddito di cittadinanza
Vorrei sapere ai fini del reddito di cittadinanza come posso gestire il mio stato attuale in quanto sono residente con mia madre che percepisce l'assegno sciale minimo ma io ho il Domicilio dove attualmente vivo dato che ho cambiato 10 stanze come studentessa in passato e lavoratrice precaria senza una busta paga valida. Come funziona in questo caso? Lo stato di famiglia è composto da mia madre 69 anni e me 35 entrambe rientriamo nei requisiti ma nei fatti io ho il domicilio da un altra parte quindi non conviviamo. Come funziona in questo caso? Devo spostare obbligatoriamente la ...

Avviso di giacenza in luogo diverso dalla residenza del debitore - Comportamento del custode dello stabile in cui risiede il coniuge separato del debitore
Il creditore può chiedere all'ufficiale giudiziario di recarsi nei luoghi dove egli può notificare gli atti al debitore e "dimenticarsi" che è separato. Tra questi può esservi l'ex domicilio del coniuge separato, che frequenta la casa per i figli ivi residenti, non vi è nessun altro elemento presuntivo del domicilio. Può avvenire però che il custode accetti l'avviso di giacenza di un atto giudiziario indicante il nome del debitore "presso .......", ovvero l'ex coniuge. -In che modo si può intimare formalmente e rispettosamente al custode di non ritirare la corrispondenza, gli atti giudiziari e gli avvisi di giacenza, senza informarla ...

Dove mi trovo?