Rc auto – Perché in Italia costa di più degli altri paesi europei?


Mio figlio è andato a vivere in Belgio e lì il costo dell’assicurazione rc auto è molto più basso che qui in Italia: inoltre, mi è stato detto che anche in altri Stati gli oneri sono molto più bassi.

Come mai questa differenza?

L’IVASS (Istituto per la vigilanza sulle assicurazioni), il 18 giugno 2020 ha elaborato una “Relazione annuale sull’attività” svolta, nella quale è riportato un confronto tra RC auto italiana e quella degli altri Paesi dell’Unione Europea.

E’ evidente che il costo RC Auto in Italia risulta essere più alto rispetto alle altre nazioni europee, ma questo non ci sconvolge, è un dato quasi storico. P

Però è stata focalizzata l’attenzione sulle motivazioni che portano a questa differenza.

Il prezzo maggiore per i consumatori italiani è spiegato dal maggior costo dei sinistri sostenuto in Italia dalle assicurazioni, sommato al costo di acquisizione e gestione delle polizze.

Nonostante la differenza di costo si sia ridotta negli anni il gap continua ad esistere, infatti a fine 2018 l’RC Auto italiana costava mediamente 90€ in più rispetto al costo medio degli altri paesi europei.

Partendo dall’analisi svolta dall’IVASS, un portale italiano di comparazione assicurativa ha voluto determinare il differenziale di pezzo che grava sulle tasche degli italiani, proponendo anche alcuni modi affinché si riduca il costo della polizza per il consumatore.

Possiamo anzitutto notare che nel premio assicurativo lordo sono comprese anche imposte e oneri parafiscali, la somma di queste due voci restituisce un’aliquota del 26,2% in Italia, rispetto al 18,4% delle altre nazioni.

L’IVASS evidenzia che i canali di maggior utilizzo per la stipula delle polizze in Italia sono per lo più broker e agenti, sono canali che hanno un costo medio di base più elevato per il consumatore a differenza dei canali online. Tra l’altro la percentuale di rinuncia al cambio di compagnia assicurativa è ancora bassa, l’82% degli italiani rinnova e conferma sempre la stessa compagnia rinunciando ad eventuali risparmi nel caso optasse per un cambio polizza.

Il confronto delle polizze assicurative rappresenta una forte opportunità di risparmio.

I consumatori devono diventare più attivi ed approfittare dei prezzi bassi di questo periodo per cambiare Compagnia o rinegoziare con la propria.

Auspicabilmente in tempi brevi l’introduzione del contratto base, che renderà più facilmente confrontabili i prodotti RC Auto, contribuirà alla trasparenza e concorrenza del settore, a beneficio dei consumatori.

24 Luglio 2020 · Giovanni Napoletano



Condividi il post


condividi su FB     condividi su Twitter    

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Tutela del consumatore e risarcimento danni a persone e cose del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Rc auto – Perché in Italia costa di più degli altri paesi europei?