Restituzione indebito pensionistico - Come rateizzare?

Ho ricevuto per 4 mesi l'assegno di euro 512 per invalidità civile nonostante non ne avessi più diritto (l'INPS ha continuato a pagarmi). Adesso mi hanno comunicato che devo restituirli. Vorrei sapere se posso rateizzarli e quante rate al massimo posso fare.

Qualora non vi siano i presupposti per effettuare il recupero in un'unica soluzione, la restituzione dell'indebito pensionistico da parte del debitore pensionato deve essere effettuata con il sistema di rateizzazione che non superi le 24 mensilità, in modo che l'importo di ciascuna trattenuta mensile (facendo salvo comunque il trattamento minimo) non sia superiiore al quinto dell'importo mensile della pensione.

In ogni caso, la rateizzazione del pagamento delle somme indebitamente percepite può essere richiesto dal debitore sia nel caso in cui la restituzione debba avvenire mediante rimessa in denaro sia nel caso in cui la restituzione debba avvenire mediante trattenute sulle prestazioni pensionistiche.

Nel primo caso il responsabile della sede territorialmente competente, tenuto conto dell'importo dell'indebito e delle condizioni economiche del debitore, può determinare un piano di recupero che preveda versamenti diretti da parte del debitore a scadenze non superiori ad un mese e per periodi che, salvo ipotesi eccezionali, non superino i 24 mesi dal primo versamento.

Nel secondo caso, il debitore ha facoltà di chiedere che la rateizzazione delle trattenute sulla prestazione pensionistica avvenga per un periodo inferiore alle 24 mensilità. La rateizzazione può essere articolata per un periodo di tempo superiore ai 24 mesi solo in alcuni casi specifici di cui non faremo cenno, atteso l'importo dell'indebito.

24 ottobre 2016 · Piero Ciottoli

condividi su FB condividi su G+ condividi su Twitter iscriviti alla newsletter del blog iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Altre discussioni simili nel forum

inps
recupero indebiti pensionistici

Approfondimenti e integrazioni dal blog

Richiesta di invalidità civile all'Inps » Quando scade Il termine per il ricorso in caso di rigetto
Invalidità civile: quando si considera maturato il termine di decadenza per l'indennità di accompagnamento? In tema di azione giudiziale per le prestazioni di invalidità civile, la normativa vigente; la cui efficacia è stata differita al 31 dicembre 2004, ha introdotto una decadenza prima inesistente, fissando il termine di sei mesi ...
Assegno di invalidità civile » Chi lavora non può beneficiarne
No all'assegno di invalidità civile se si lavora: il divieto scatta a prescindere dal quantitativo di reddito percepito. Lo svolgimento di attività lavorativa, infatti, preclude il diritto al beneficio, indipendentemente dalla misura del reddito ricavato. Questo, in sintesi, l'orientamento espresso dalla Cassazione con sentenza 3517/14. Niente assegno di invalidità civile ...
Divieto di cumulo fra indennità di disoccupazione e assegno ordinario di invalidità - Ma l'invalido può optare per l'indennità di disoccupazione
Il divieto di cumulo dell'indennità di disoccupazione con i trattamenti pensionistici a carico dell'assicurazione generale obbligatoria per l'invalidità, vecchiaia e i superstiti, si estende all'assegno ordinario di invalidità, la cui natura di trattamento pensionistico trova conferma nella modalità di erogazione che avviene secondo il sistema dell'assicurazione generale obbligatoria, nella modalità ...
Pensioni: tutte le novità dopo l'ultima riforma » Ecco quanto si perderà con l'Ape (anticipo pensionistico)
Per quanto riguarda le pensioni, scopriamo quali sono tutte le novità dopo l'ultima riforma, che di fatto ha introdotto l'anticipo pensionistico (Ape). L'Ape, acronimo che sta per Anticipo pensionistico è il progetto sperimentale che consentirà dal 2017, a chi ha raggiunto almeno i 63 anni di età di andare in ...
Mantenimento » Riduzione dell'assegno non legittima restituzione somme precedenti
L'esclusione o la diminuzione dell'assegno di mantenimento non legittima la restituzione delle somme percepite precedentemente. Lo ha stabilito la Corte di Cassazione la quale, con la sentenza 23441/13, ha sancito che: Se dopo la pronuncia passata in giudicato l'assegno di mantenimento è escluso o diminuito, non è legittima la restituzione ...

Briciole di pane

Altre info

staff e collaboratori
privacy e cookie
note legali - se accedi ai contenuti dichiari di averne preso visione
contatti


Domande

Forum

Sezioni

Home

Argomenti

Cerca