Prescrizione del reato di appropriazione indebita – L’ingiusto arricchimento

A maggio 2014 ho fatto un investimento assicurativo ma solo adesso a ottobre 2020 mi sono accorto che quell’investimento non esisteva e chi me lo aveva proposto aveva intascato il danaro senza investirlo. Posso ancora fare querela o è già intervenuta la prescrizione del reato?

Senza entrare nel merito della questione che potrebbe anche evidenziare l’integrazione del reato di truffa, possiamo affermare che l’articolo 646 del codice penale prevede che chiunque, per procurare a sé o ad altri un ingiusto profitto si appropria il denaro altrui di cui abbia, a qualsiasi titolo, il possesso, è punito, a querela della persona offesa, con la reclusione da due a cinque anni.

Inutile aggiungere che qualora il reato fosse accertato giudizialmente, la vittima del reo avrebbe diritto ad un congruo risarcimento danni.

Il momento in cui la persona offesa viene a conoscenza del comportamento illecito è irrilevante ai fini della individuazione della data di consumazione del reato e di inizio della decorrenza del termine di prescrizione.

Concludendo, il delitto di appropriazione indebita è reato istantaneo che si consuma con la prima condotta appropriativa, nel momento in cui l’agente (nella fattispecie un intermediario assicurativo) compie un atto di dominio sulla cosa con la volontà espressa o implicita di tenere questa come propria (Corte di cassazione, sezione penale, sentenza 1670/2015).

Il reato di appropriazione indebita si prescrive, normalmente, in sei anni.

Naturalmente, qualora riuscisse a dimostrare l’avvenuto passaggio di denaro in assenza di giusta causa, potrebbe sempre procedere con un’azione civile contestando l’illecito arricchimento (ex articolo 2041 del codice civile) dell’agente assicurativo. In questo caso il diritto di citare la controparte per la restituzione di quanto versato, si prescrive in dieci anni dal fatto.

21 Novembre 2020 · Marzia Ciunfrini

Social Mailing e Feed


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti

Non integra il reato di appropriazione indebita il mancato rimborso di un prestito
Anche il danaro, nonostante la sua fungibilità, può trasferirsi nel semplice possesso, senza che al trasferimento del possesso si accompagni anche quello della proprietà. Ciò di norma si verifica, oltre che nei casi in cui sussista o si instauri un rapporto di deposito o un obbligo di custodia, nei casi di consegna del danaro con espressa limitazione del suo uso o con un preciso incarico di dare allo stesso una specifica destinazione o di impiegarlo per un determinato uso: in tutti questi casi il possesso del danaro non conferisce il potere di compiere atti di disposizione non autorizzati o, comunque, ...

Separazione » Si configura il reato di appropriazione indebita se si sottraggono beni dall'ex casa coniugale
Dopo la separazione, qualora un ex coniuge sottragga dei beni dall'ex casa coniugale commette il reato di appropriazione indebita. Il coniuge che non prenda di buon grado la pronuncia del giudice e si appropri, prima di lasciare la casa assegnata all'ex di una serie di beni, come oggetti di arredo, suppellettili o elettrodomestici, si procura un ingiusto profitto e deve rispondere del reato di appropriazione indebita. Questo l'orientamento espresso dalla Corte di Cassazione con sentenza 11276/2013. A nessuno fa piacere l'idea di lasciare la casa coniugale senza poter portare via i propri beni. Bisogna dire, però, che quando il giudice ...

Conto corrente cointestato firma disgiunta - Quando c'è appropriazione indebita?
Io e la mia ex compagna, ex conviventi (ci siamo lasciati da poco) avevamo aperto un conto corrente cointestato, a firma disgiunta, sul quale convenivano i nostri due stipendi: lo utilizzavamo per far fronte a spese domestiche ed altri bisogni familiari. Premetto che sul conto vi erano 20.000 euro, accumulati negli anni. Ora, poco dopo la chiusura del nostro rapporto sentimentale, e prima di poter chiudere il conto, lei si è presentata presso la banca e ha ritirato, in diversi giorni, quasi 15.000 euro. Me ne sono accorto troppo tardi, quando la banca mi ha telefonato per sapere se fosse ...

Dove mi trovo?

Ti trovi nel Forum – Debiti e recupero crediti del sito la comunità dei debitori e dei consumatori italiani e stai leggendo il topic Prescrizione del reato di appropriazione indebita – L’ingiusto arricchimento