Prescrizione della fideiussione e problematiche successorie

Prima del 1994 firmavo una fideiussione per una srl di cui era amministratore credo prima mio padre e poi mio fratello (entrambi deceduti ): tra il 95 ed il 96 la società falliva. Nel 96 ricevetti un atto dalla banca che consegnai all’avvocato che curava il fallimento della società.Dopo di che nessuna comunicazione, nessun avviso sollecito lettera o altro. Nel 2014 ci fu la causa contro mio fratello amministratore che fu chiusa con alcuni addebiti a lui credo per irregolarità nelle documentazioni. Ora mi vedo recapitare una richiesta di pagamento dove viene nominata questa società e la fideiussione che mi riguarda da una società di recupero crediti che dichiara di aver comperato nel 2014 questi crediti da MPS per la bellezza di quasi 100 mila euro più spese ed interessi. Sono ancora esigibili?

Che la società per cui fu prestata fideiussione sia fallita, conta poco: il fideiussore non fruisce di una eventuale esdebitazione fallimentare ottenuta dal debitore principale. Il diritto del creditore garantito di esigere il debito accumulato dal debitore, a favore del quale fu prestata fideiussione, si prescrive in dieci anni decorrenti dal momento in cui il credito è quantificabile ed esigibile (comunicazione di chiusura della linea di credito ed invito a rimborsare il dovuto in un’unica soluzione). Visti i tempi in cui si è sviluppata la vicenda, si può prudentemente presumere che il credito, seppur garantito da fideiussione sia prescritto (a meno che il creditore non dimostri di aver notificato al fideiussore comunicazioni interruttive dei termini prescrittivi, andate a buon fine anche per compiuta giacenza presso l’ufficio postale o l’albo pretorio comunale).

Piuttosto, il problema, da quanto ci sembra di capire, è che la pretesa della cessionaria che ha acquisito il diritto di credito da MPS si riferisca agli addebiti riconosciuti giudizialmente a carico di suo fratello amministratore, che vengono chiesti a lei non tanto in qualità di fideiussore, ma probabilmente in qualità di erede (se, in occasione del decesso di suo fratello, non ha rinunciato all’eredità oppure non ha accettato con beneficio di inventario).

Se le cose stanno così (ma bisognerebbe verificare a che titolo è stato adesso chiamato in causa dalla cessionaria), se non è entrato in possesso di alcuno dei beni lasciati da suo fratello e se quest’ultimo è deceduto da non più di dieci anni, lei potrebbe ancora rinunciare all’eredità.

Questo solo si può argomentare in assenza di elementi più dettagliati e certi.

12 Luglio 2020 · Marzia Ciunfrini

Condividi il post su Facebook e/o Twitter - Iscriviti alla mailng list e ai feed di indebitati.it


condividi su FB     condividi su Twitter     iscriviti alla newsletter del blog     iscriviti al feed RSS degli articoli del blog forum

Seguici su Facebook

Approfondimenti e integrazioni da blog e forum

Dove mi trovo?